Me
Gli Stati Uniti restringono il diritto di asilo per i migranti
Condividi su:
Usa asilo
Credit: Afp

Gli Stati Uniti restringono il diritto di asilo per i migranti

Il procuratore generale Jeff Sessions cambia le regole: aver subito abusi domestici o violenze di gruppo non è più una condizione sufficiente negli Usa per vedersi concesso il diritto d'asilo

12 Giu. 2018
Usa asilo
Credit: Afp

Essere stati o essere state vittima di abusi domestici o violenza da parte di gang non è più una condizione sufficiente negli Stati Uniti per vedersi concesso il diritto d’asilo.

Lo ha deciso il procuratore generale Jeff Sessions, suscitando dure proteste tra gli attivisti per i diritti umani e degli immigrati.

La novità, annunciata da Sessions lunedì 11 giugno 2018, potrebbe infatti impedire a migliaia di migranti di ottenere asilo negli Usa.

Il procuratore generale, equivalente statunitense del ministro della Giustizia, è noto per la sua posizione di “tolleranza zero” sull’immigrazione clandestina.

La legge statunitense e internazionale attualmente afferma che i migranti possono chiedere asilo se temono persecuzioni nel loro paese d’origine a causa della loro razza, opinione politica, nazionalità, religione o perché appartengono a un particolare gruppo sociale.

“Il semplice fatto che un paese possa avere problemi nel controllare efficacemente determinati reati, come la violenza domestica o da parte di gang, o che in alcune popolazioni ci siano più probabilità di essere vittime di questi reati, non può di per sé reggere una richiesta di asilo”, ha dichiarato Sessions.

Secondo il procuratore generale, in questi anni molti richiedenti asilo si sono dichiarati vittime di questi reati per ottenere più facilmente la protezione umanitaria degli Stati Uniti.

Il capo del dipartimento Giustizia ha sottolineato che si tratta di casi “intrinsecamente ambigui” e che “lo statuto del richiedente asilo non fornisce riparazione per tutte le disgrazie”.

“L’asilo non ha mai avuto lo scopo di alleviare tutti i problemi che le persone affrontano ogni giorno in tutto il mondo”, ha dichiarato Sessions.

La violenza messa in atto da parte delle gang criminali è un grave problema nell’America centrale. Solo nel 2016, più di 60mila persone provenienti da El Salvador, Guatemala e Honduras hanno presentato domanda di asilo basandosi su denunce di violenze di gruppo.

Gli attivisti che per i diritti umani e degli immigrati e dei diritti civili chiedono a Sessions di ritirare la decisione.

“La decisione mette in grave pericolo  molti rifugiati e richiedenti asilo che sono in fuga da orribili violenze, specialmente donne, e viola lo spirito della nostra legge sull’asilo che il Congresso ha scritto per proteggere le vittime della persecuzione, comprese donne e bambini che fuggono dai loro paesi d’origine”, ha detto alla Cnn David Leopold, ex presidente e consigliere generale della American Immigration Lawyers Association.

“Proprio il mese scorso, l’Agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite ha riferito che stava assistendo a un significativo aumento del numero di persone in fuga dalla violenza e dalle persecuzioni dell’America Centrale tra cui molti in serio pericolo”, ha aggiunto Acer.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus