Summit Usa-Corea, arrestati due giornalisti sudcoreani a Singapore
Condividi su:

Summit Usa-Corea, arrestati due giornalisti sudcoreani a Singapore

I giornalisti sono accusati di essere entrati nella casa dell'ambasciatore nordcoreano. Il 12 giugno si tiene a Singapore l'incontro tra Donald Trump e Kim Jong-un

08 Giu. 2018  
usa corea arrestati giornalisti
Il summit si tiene il 12 giugno a Singapore

La polizia di Singapore ha arrestato due giornalisti sudcoreani con l’accusa di aver sconfinato nella casa dell’ambasciatore nordcoreano prima del vertice Trump-Kim, che si terrà il 12 giugno.

Le forze dell’ordine hanno fatto sapere di essere state chiamate dalla residenza giovedì pomeriggio.

In un post su Facebook, la polizia ha comunicato che due sudcoreani di 42 e 45 anni che lavorano per l’emittente KBS della Corea del Sud sono stati arrestati.

“Due giornalisti dell’emittente della Corea del Nord sono stati arrestati per violazione di domicilio. La polizia ha ricevuto una chiamata per una violazione di domicilio nella residenza dell’ambasciatore della Repubblica democratica di Corea. I due sudcoreani, di 42 e 45 anni, che lavorano per l’emittente KBS sono stati arrestati”, spiegano le autorità.

Tra gli indagati ci sono anche un altro sudcoreano di 29 anni che era la guida e l’interprete del gruppo, e un 31enne che rappresenta la KBS.

I tre dipendenti dell’emittente sudcoreana non sono accreditati tra i giornalisti presenti a Singapore”.

Nel post su Facebook, la polizia ricorda che i giornalisti che violano le leggi di Singapore perderanno l’accredito per partecipare al summit tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti.

Il summit tra Kim Jong-un e Donald Trump

L’incontro tra i due leader è stato per lungo tempo incerto dopo un annuncio fatto il 23 maggio dal presidente americano.

“Il vertice con Kim Jong-un potrebbe non esserci il 12 giugno. Ci stiamo muovendo, vedremo cosa succederà”, aveva detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante un incontro alla Casa Bianca con il presidente sudcoreano Moon Jae-in.

L’incontro era stato inizialmente annunciato da Trump in un Tweet: “L’attesissimo incontro tra Kim Jong-un e me si svolgerà a Singapore il 12 giugno. Proveremo entrambi a renderlo un momento speciale per la pace nel mondo”.

La città-stato del sud-est asiatico è stata preferita dai funzionari degli Stati Uniti in considerazione della sua neutralità rispetto a località più vicine a Pyongyang.

Il primo giugno, dopo un  incontro con il braccio destro del presidente della Corea del Nord,  Kim Yong-chol, Donald Trump aveva confermato il summit del 12 giugno con Kim Jong-un a Singapore.

L’incontro inizierà alle 09 del mattino, ora locale (le 3 in Italia).

I colloqui “saranno un percorso” ma “alla fine avranno successo”, ha detto il presidente americano.

Tuttavia, Trump di recente ha ammesso che i negoziati con Pyongyang potrebbero richiedere più di un vertice.