Me
Chi è Alberto Bonisoli, ministro dei Beni culturali del Governo M5S-Lega
Condividi su:
Alberto Bonisoli ministro
Alberto Bonisoli, ministro dei Beni culturali. Credit: Afp/Photo by Silvia Lore/NurPhoto

Chi è Alberto Bonisoli, ministro dei Beni culturali del Governo M5S-Lega

Ex professore di Investment management alla Bocconi, è direttore della Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano: alle elezioni politiche si è candidato con il Movimento Cinque Stelle senza essere eletto

Alberto Bonisoli ministro
Alberto Bonisoli, ministro dei Beni culturali. Credit: Afp/Photo by Silvia Lore/NurPhoto

Aberto Bonisoli | Chi è

Alberto Bonisoli è il ministro dei Beni e delle Attività culturali del governo presieduto da Giuseppe Conte, sostenuto da Movimento Cinque Stelle e Lega.

La nascita dell’esecutivo è stata resa possibile dall’accordo raggiunto tra i leader dei due partiti, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e il capo dello Stato sulla rinuncia a nominare ministro dell’Economia l’economista Paolo Savona, contestato per via delle sue posizioni su Unione europea ed euro.

Savona farà comunque parte del nuovo governo, ma con un ruolo diverso: quello di ministro degli Affari europei.

Al suo posto è stato nominato ministro dell’Economia il professor Giovanni Tria, ordinario di economia politica all’Università Tor Vergata di Roma e presidente della Scuola Nazionale dell’Amministrazione.

Qui abbiamo raccolto la lista completa dei ministri del nuovo governo Lega-5 Stelle.

Candidato alle elezioni politiche con i Cinque Stelle, Bonisoli succede alla guida del Mibact a Dario Franceschini.

Chi è Alberto Bonisoli

Alberto Bonisoli è nato a Castel D’Ario, in provincia di Mantova, il 26 dicembre 1961. Risiede a Castelletto Ticino, in provincia di Novara. È sposato e ha due figlie.

Il suo nome era già stato indicato per il ministero dei Beni culturali dal capo politico M5s, Luigi Di Maio, prima delle elezioni del 4 marzo, nella lista dei ministri pentastellati da presentare a Mattarella in caso di vittoria.

Bonisoli è direttore della Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano e presidente dell’Associazione Scuole di Moda Italiane, che riunisce le principali scuole private d’arte, moda e design del paese.

In passato ha insegnato per diversi anni Innovation management all’Università Bocconi di Milano.

Dal 2005 al 2007 è stato consulente del Ministero dell’Istruzione.

Alle elezioni politiche del 2018 è stato candidato per il Movimento 5 Stelle alla Camera dei deputati nel collegio uninominale Lombardia 1-112 (Milano centro), in cui è giunto terzo con il 13,8 per cento dei voti, dietro a Bruno Tabacci (centrosinistra) e a Cristina Rossello (centrodestra), non venendo quindi eletto.

In campagna elettorale ha dichiarato di voler portare gli investimenti per il patrimonio culturale almeno all’1 per cento del Pil.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus