Me

Cosa può succederti se usi il telefono dopo le dieci di sera

Uno studio dell'università di Glasgow, nel Regno Unito, condotto su 91mila persone ha evidenziato come l'utilizzo del cellulare nelle ore notturne aumenti il rischio di sviluppare patologie come depressione, disturbo bipolare e nevrosi

Immagine di copertina

Non è un segreto che l’utilizzo del telefonino prima di andare a letto non sia salutare per un buon riposo notturno.

Tuttavia, un nuovo studio condotto su oltre 91mila persone ha messo in evidenza come scorrere i feed di Instagram, Facebook e Twitter poco prima di dormire potrebbe far aumentare la probabilità di sviluppare una serie di problemi psicologici come depressione, disturbo bipolare e nevrosi.

L’utilizzo del telefono a tarda notte è solo uno dei comportamenti dannosi indicati dai ricercatori, disturbi che vanno a intaccare il bioritmo dell’uomo.

Alcune ricerche precedenti hanno mostrato gli effetti dannosi delle interruzioni del ciclo naturale del corpo – noto come ritmo circadiano – come accade, per esempio, ai lavoratori impegnati durante le ore notturne.

Tuttavia, questo studio, pubblicato su The Lancet Psychiatry dai professori dell’Università di Glasgow, è il primo a monitorare l’interruzione del bioritmo su larga scala.

I partecipanti, di età compresa tra 37 e 73 anni, hanno monitorato i loro livelli di attività con un accelerometro da polso che hanno indossato per sette giorni, consentendo ai ricercatori di misurare quanto la ritmicità circadiana fosse stata stata “disturbata” durante questo periodo.

I ricercatori hanno anche condotto esami trasversali per misurare il benessere psicologico dei partecipanti e hanno scoperto che circa una persona su 25 aveva sviluppato abitudini notturne insolite, per cui non erano molto più attivi durante il giorno.

I ricercatori hanno scoperto che queste persone avevano l’11 per cento di probabilità in più di sviluppare il disturbo bipolare e il 6 per cento in più di essere affette da depressione.

I volontari hanno mostrato anche livelli di felicità inferiori e maggiori tassi di solitudine.

“Queste persone soffrono di pessima igiene del sonno”, ha detto il principale autore dello studio, Daniel Smith dell’Università di Glasgow.

“Nonostante le percentuali possano sembrare basse, sono comunque numeri significativi”, ha sottolineato il docente.

Il professor Smith sostiene che per combattere i disturbi del sonno sia salutare non utilizzare il telefono dopo le 10 di sera e ha aggiunto che la qualità del nostro sonno dipende anche da cosa facciamo durante il giorno, spiegando che un modello di sonno sano è spesso il risultato di una buona attività diurna.

“I disturbi del sonno e del ritmo circardiano sono una questione da non sottovalutare, sempre più persone manifestano queste problematiche”.

“È improbabile che il modo in cui la società è attualmente impostata sia positivo per la tua salute. Così tante persone vivono in ambienti urbani inondati di luce 24 ore su 24, 7 giorni su 7 “.