Me
Russia, scontri per le proteste anti-Putin: arrestato Alexei Navalny
Condividi su:
proteste anti-Putin Russia
Credit: AFP PHOTO / Olga MALTSEVA

Russia, scontri per le proteste anti-Putin: arrestato Alexei Navalny

Almeno 1.000 persone sono state fermate dalla polizia russa durante i cortei non autorizzati organizzati in molte parti del Paese. Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny è stato arrestato

05 Mag. 2018
proteste anti-Putin Russia
Credit: AFP PHOTO / Olga MALTSEVA

Il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny è stato arrestato al suo arrivo in piazza Puskin a Mosca durante una manifestazione di protesta non autorizzata contro il presidente russo Vladimir Putin e il suo quarto mandato presidenziale, che ufficialmente inizierà lunedì.

L’accusa mossa all’attivista è quella di aver partecipato a un corteo non autorizzato.

“Non è il nostro zar”, questo lo slogan con cui i sostenitori di Navalny hanno manifestato, non solo a Mosca, ma anche a San Pietroburgo e a Krasnoyarsk.

Nella stessa piazza affollata da decine di migliaia di persone, secondo quanto riporta l’Ansa, ci sono stati momenti di tensione tra i manifestanti anti-Putin e un gruppo di nazionalisti che scandivano lo slogan “Putin. Patria. Libertà”.

La polizia ha fermato o arrestato centinaia di persone, incluso un fotoreporter della Novaya Gazeta che si sarebbe avvicinato troppo a un furgone della polizia, secondo quanto riferito dal corrispondente del Telegraph Alec Luhn su Twitter.

Credit: Sefa Karacan / Anadolu Agency

Sono almeno 1.000, infatti, le persone fermate dalla polizia russa durante le proteste anti-Putin: lo fa sapere l’ong Ovd-Info. Solo a Mosca i fermati sarebbero 475.

Nel giorni scorsi le autorità russe avevano allertato la popolazione sulle possibili “conseguenze negative” della partecipazione a cortei non autorizzati.

In un tweet Navalny aveva replicato: “E io vorrei ricordare delle conseguenze negative per chi non partecipa. Se rimanete a casa la banda di Putin distruggerà il Paese e vi priverà del vostro futuro”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus