Me

Siria, gli Stati Uniti non contribuiscono al fondo Onu per i rifugiati

Washington ha giustificato lo stop al finanziamento con l'imminente ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria deciso da Trump

Immagine di copertina
Credit: AFP PHOTO / Sameer Al-Doumy

Gli Stati Uniti hanno interrotto i loro finanziamenti al fondo delle Nazioni Unite per la popolazione siriana colpita dalla guerra.

In occasione della conferenza dei donatori sulla crisi della Siria, che si è tenuta il 24 e 25 aprile 2018 a Bruxelles, l’amministrazione americana guidata dal presidente Donald Trump non ha contribuito a ridurre il deficit del fondo, che ammonta ora a circa 5 miliardi di dollari.

Il fondo è destinato sia ai civili siriani che vivono ancora nel paese sia ai profughi che sono fuggiti oltreconfine.

Washington ha giustificato lo stop al finanziamento con l’imminente ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria deciso da Trump e ha sottolineato che gli Stati Uniti sono tutt’ora il maggior finanziatore del fondo da quando la guerra è iniziata, con circa 8 miliardi di dollari versati.

“Gli Stati Uniti sono impegnati a essere un leader globale nel fornire assistenza umanitaria alle persone sfollate da conflitti e persecuzioni in tutto il mondo”, ha detto un portavoce del dipartimento di stato Usa.

“Esortiamo anche altri donatori a fare un passo avanti per contribuire a impegnare risorse aggiuntive. Gli Stati Uniti hanno sempre fornito assistenza umanitaria”, ha aggiunto il portavoce.

Diversi addetti ai lavori hanno criticato la decisione americana di interrompere i finanziamenti al fondo per la Siria, sottolineando che non è il modo migliore per incoraggiare altri paesi a rafforzare i propri contributi.

Jeremy Konyndyk, ex capo dell’assistenza ai disastri esteri sotto l’amministrazione Obama, ha detto che in genere gli Stati Uniti hanno fatto annunci di aiuti piuttosto che promesse ai donatori.

“Ciò che questo mi dice è che “hanno voluto inviare un messaggio di ridimensionamento del ruolo degli Stati Uniti e di necessità per gli altri di intensificare il loro impegno. Ma se vuoi inviare quel messaggio è molto più efficace dirlo”, ha osservato Konyndyk, ora senior fellow presso il Center for Global Development.

“È davvero controproducente e fraintende la natura della leadership internazionale”, ha aggiunto l’ex funzionario dell’amministrazione Obama. “L’approccio che l’amministrazione Trump sta prendendo è ‘fare come dico, non come faccio’ e non è così che funziona. Avere la leadership internazionale significa mostrare ciò che sei disposto a fare”.

Konyndyk ha aggiunto che un’altra possibilità è che, con un gran numero di posizioni vacanti presso l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale e le turbolenze in corso nel dipartimento di stato, “semplicemente non sono riusciti a gestire un processo semplice come mettere insieme un annuncio di finanziamento”.