Me
Perché il Giappone si è infuriato per la mousse di mango servita al summit tra le due Coree
Condividi su:
summit coree mousse di mango giappone
La mousse di mango servita al summit tra le due Coree del 27 aprile 2018. Credit: AFP/ Getty Images

Perché il Giappone si è infuriato per la mousse di mango servita al summit tra le due Coree

"È estremamente deplorevole", ha detto un portavoce del ministero degli Esteri giapponese, aggiungendo che il Giappone ha presentato una protesta formale. "Abbiamo chiesto che il dessert non sia servito"

27 Apr. 2018
summit coree mousse di mango giappone
La mousse di mango servita al summit tra le due Coree del 27 aprile 2018. Credit: AFP/ Getty Images

Il Giappone ha contestato la mousse di mango inserita nel menù dello storico summit del 27 aprile 2018 tra le due Coree, durante il quale Kim Jong-un ha incontrato Moon Jae-in.

Il dolce in questione, dal nome “Primavera del Popolo”, era adornato con una immagine della mappa della penisola coreana unita, che raffigura anche alcune isole contese dal Giappone.

Il ministero degli Esteri di Tokyo ha lanciato una “forte protesta”. Anche le sedie in legno di noce da utilizzare durante il vertice mostrano la stessa mappa controversa.

Le isole sono attualmente controllate dalla Corea del Sud, ma anche da Tokyo.

Il Giappone occupò la penisola coreana dal 1910 al 1945, quando fu sconfitto nella seconda guerra mondiale.

Le tensioni sullo status di due isole e circa 30 isolette più piccole, conosciute come Dokdo in coreano e Takeshima in giapponese, sono attualmente accese.

Si tratta di un piccolo gruppo di isolotti del mar del Giappone, conosciuti anche come Rocce di Liancourt. Occupati militarmente dalla Corea del Sud nell’immediato dopoguerra, fanno parte della contea di Ulleung, nella provincia del Gyeongsang Settentrionale.

Con la resa incondizionata del Giappone al termine della Seconda Guerra Mondiale, il governo sudcoreano di Syngman Rhee chiese alle potenze vincitrici di inserire le Rocce di Liancourt tra i territori a cui il Giappone avrebbe dovuto rinunciare ma tale richiesta fu rigettata. Oggi il Giappone le rivendica come parte della cittadina di Okinoshima nel distretto di Oki.

Il Giappone ha chiesto alla Corea del Sud, che si occuperà di organizzare il banchetto per il summit, di ripensare quindi al dessert.

“È estremamente deplorevole”, ha detto un portavoce del ministero degli Esteri giapponese, aggiungendo che il Giappone ha presentato una protesta formale. “Abbiamo chiesto che il dessert non sia servito.”

La disputa arriva mentre il leader nordcoreano Kim Jong-un e il presidente della Corea del Sud, il presidente Moon Jae, si preparano allo storico summit del 27 aprile 2017.

Le relazioni tra le due Coree e il Giappone sono state a lungo messe a dura prova a causa delle dispute territoriali e dal persistente risentimento per la colonizzazione giapponese della penisola coreana nella prima metà del secolo scorso.

Il Giappone in passato aveva protestato contro la costruzione di statue che commemorano donne e ragazze coreane costrette a lavorare nei bordelli militari giapponesi durante la seconda guerra mondiale. Seoul sostiene che Tokyo deve ancora offrire scuse sincere per le sue azioni belliche.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus