Me
Shell sapeva dei rischi del riscaldamento globale e l’ha tenuto nascosto per anni
Condividi su:
Shell sapeva dei rischi del riscaldamento globale e l'ha tenuto nascosto per anni

Shell sapeva dei rischi del riscaldamento globale e l’ha tenuto nascosto per anni

Fin dal 1981 Shell era a conoscenza degli impatti e delle implicazioni delle sue operazioni sui cambiamenti climatici e ha diffuso notizie false per nasconderne i rischi

20 Apr. 2018
Shell sapeva dei rischi del riscaldamento globale e l'ha tenuto nascosto per anni

Il colosso multinazionale Shell era a conoscenza del riscaldamento globale da almeno tre decenni ma ha continuato a trivellare per raggiungere i giacimenti di gas e petrolio e ha alimentato lo scetticismo sui cambiamenti climatici.

A scoprirlo e denunciarlo, è stato Jelmer Mommers di De Correspondent, sito di notizie di approfondimento olandese. Il giornalista lo scorso 5 aprile ha pubblicato il rapporto completo su Climate Files, un progetto del Climate Investigations Centre.

“Nel momento in cui il riscaldamento globale diventa rilevabile potrebbe essere troppo tardi per prendere contromisure efficaci per ridurre gli effetti o anche per stabilizzare la situazione” è solo uno degli avvertimenti contenuti nel rapporto datato 1988 “The Greenhouse Effect”, creato dai membri del Greenhouse Effect Working Group di Shell e basato su uno studio del 1986, anche se il documento rivela che Shell aveva commissionato rapporti sull’effetto serra già nel 1981.

“Tali cambiamenti relativamente rapidi e drammatici avrebbero un impatto sull’ambiente umano, sugli standard di vita futuri e sugli approvvigionamenti alimentari e potrebbero avere importanti conseguenze sociali, economiche e politiche”, si legge ancora nell’introduzione del rapporto.

Nel 1988, quindi, Shell non solo era consapevole delle potenziali minacce poste dai cambiamenti climatici, ma era aperta sul proprio ruolo nel creare le condizioni per un mondo di riscaldamento. Questo documento di Shell rappresenta una prova rara, precoce e concreta della responsabilità climatica da parte della una major petrolifera.

Shell, come dichiara la compagnia stessa, è una multinazionale che opera in 70 paesi in tutto il mondo con una media di 86 mila dipendenti annui. Producendo 3,7 milioni di barili di petrolio giornalieri, nel 2017 ha ricevuto entrate per 305,2 miliardi di dollari con un reddito annuo di 13,4 miliardi di dollari.

Nel corso del rapporto, Shell riconosce il ruolo centrale dei combustibili fossili, e in particolare del petrolio, nell’aumento delle emissioni di CO2. Mentre gli autori osservano le incertezze e le limitazioni dei modelli climatici contemporanei – in particolare intorno ai tempi e all’intensità degli impatti – c’è davvero poca ambiguità sulla responsabilità dell’industria petrolifera:

il rapporto afferma che “sebbene la CO2 sia emessa nell’atmosfera attraverso diversi processi naturali … la causa principale dell’aumento delle concentrazioni di CO2 è considerata la combustione di combustibili fossili”.

Successivamente, gli autori quantificano il contributo unico dei prodotti Shell alle emissioni globali di CO2. Secondo questa analisi interna, i prodotti di Shell (petrolio, gas e carbone) erano responsabili del 4 per cento delle emissioni totali di carbonio globali nel 1984.

Shell rischi riscaldamento globale

Questo è uno dei primi esempi di contabilità del carbonio da parte di una major petrolifera e coerente con la ricerca di Richard Heede, presidente di Climate Mitigation Services, una società di consulenza focalizzata sulla gestione del clima. Nel suo studio, “The Carbon Majors Database“, Heed analizza la responsabilità delle emissioni di carbonio dei produttori petroliferi.

Il rapporto Shelli afferma ancora che gli impatti climatici potrebbero includere “cambiamenti significativi nel livello del mare, correnti oceaniche, modelli di precipitazioni, temperature regionali e condizioni meteorologiche”.

Gli autori di Shell descrivono ulteriori, specifici impatti tra cui l’abbandono di città e paesi in aree pianeggianti (ad es. Bangladesh) e la distruzione delle barriere coralline, concludendo che questi cambiamenti ambientali e socio-economici possono essere “i più grandi nella storia umana”.

L’analisi di Shell si basa su gran parte delle migliori ricerche scientifiche disponibili del tempo, spiegate nel dettaglio in una lunga appendice.

Gli autori includono anche i dettagli di un rapporto Shell commissionato dall’unità di ricerca climatica (CRU) presso l’Università di East Anglia nel 1981. La ricerca era stata successivamente estesa al Dipartimento dell’Energia e pubblicata dal governo degli Stati Uniti nel 1984. Il rapporto di Shell con CRU e Direttore Wigley continuò almeno fino al 1985.

Shell esamina l’impatto fisico, finanziario e politico di un mondo dei propri affari. Rileva il rischio della legislazione e “il cambiamento della domanda per i nostri prodotti”, nonché esamina nuove opportunità di business nei carburanti alternativi. Shell anticipa anche il “problema ambientale” costringendo una risposta politica, la necessità di un’azione governativa internazionale e il rischio della diffusione di “ansia politica”. Spetterà quindi agli investitori valutare se questi e altri rischi siano stati adeguatamente divulgati negli anni successivi.

Alla luce di questi “punti forti”, gli autori del report consigliano l’impegno attivo del settore energetico nelle discussioni sulla politica e sui programmi.

In un altro documento del 1998, i pianificatori di scenari di Shell avevano previsto che eventi meteorologici catastrofici e crescenti preoccupazioni della popolazione avrebbero innescato azioni legali contro il governo e le compagnie di combustibili fossili. Una sezione di questo rapporto intitolata “Ambiente 2010 – Ritorno alle prime pagine” descrive la scena:

“Mentre i cambiamenti climatici non sono una priorità per la maggior parte delle persone all’inizio del secolo, le ONG continuano a fare pressioni contro l’inerzia del protocollo di Kyoto …. Nel 2010, una serie di violente tempeste provoca gravi danni alla costa orientale degli Stati Uniti. Sebbene non sia chiaro se le tempeste siano causate dai cambiamenti climatici, le persone non sono disposte a cogliere ulteriori opportunità. Il settore assicurativo rifiuta di accettare la responsabilità, scatenando un acceso dibattito su chi è responsabile: il settore assicurativo o il governo. Dopotutto, due successivi rapporti dell’IPCC dal 1995 hanno rafforzato la connessione umana ai cambiamenti climatici. ”

Lo scenario prosegue predicendo che le azioni legali collettive saranno basate su “cosa hanno saputo quando”:

“A seguito delle tempeste, una coalizione di ONG ambientaliste porta una causa di azione collettiva contro il governo degli Stati Uniti e le compagnie di combustibili fossili per trascurare quello che gli scienziati (compreso il loro) hanno detto per anni: che qualcosa deve essere fatto. La reazione all’uso dei combustibili fossili cresce e gli individui diventano “ambientalisti vigilanti” come, allo stesso modo, una generazione prima, erano diventati ferocemente anti-tabacco. Le campagne di azione diretta contro le aziende aumentano. I giovani consumatori, in particolare, chiedono azioni … Le industrie dell’energia, dell’auto e del petrolio vedono miliardi spazzati via dal loro valore di mercato da un giorno all’altro. ”

Questi incredibili documenti rivelano che una grande società multinazionale abbia nascosto la ricerca scomoda per servire i propri interessi personali continuando a spingere i propri prodotti a spese dell’ambiente (e, in definitiva, dei loro consumatori) ma potrebbe non essere la notizia più sorprendente.

Dopo tutto, nel 2015, altri documenti avevano hanno confermato che anche il gigante energetico statunitense Exxon è stato a conoscenza del cambiamento climatico  per quasi 40 anni mentre spendeva una fortuna per diffondere informazioni false  e mettere in dubbio le scienze climatiche accettate .

Ma questi nuovi report suggeriscono una cospirazione su scala industriale per seppellire o, per lo meno, minimizzare i danni ambientali causati dall’estrazione e dalla combustione dei combustibili fossili.

Il primo dei rapporti della Shell, “The Greenhouse Effect del 1988, non solo rivela che la società energetica sapeva del cambiamento climatico e che la colpa era dei combustibili fossili, ma mostra anche che stavano studiando attivamente i fenomeni.

Shell istituì infatti un programma interno di scienza del clima ancora prima che l’ ONU fondasse il gruppo intergovernativo ONU sui cambiamenti climatici sempre nel 1988.

“Sebbene la CO2 sia emessa nell’atmosfera attraverso diversi processi naturali … la causa principale dell’aumento delle concentrazioni di CO2 è considerata la combustione di combustibili fossili”, ha riconosciuto il rapporto, ora pubblicato su Climate Files .

Gli esperti di Shell consigliavano di esaminare le opzioni strategiche il prima possibile, consapevoli che i cambiamenti climatici non regolati potevano causare un innalzamento del livello del mare, l’acidificazione degli oceani e la migrazione di massa perché le persone cercassero di evitare i peggiori effetti del riscaldamento globale.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus