Me
Referendum SPD Germania, approvata la Grande coalizione
Condividi su:
referendum SPD germania
Angela Merkel e Martin Schulz. Credit: John MACDOUGALL/AFP

Referendum SPD Germania, approvata la Grande coalizione

Il referendum interno tra gli oltre 460mila iscritti del partito socialdemocratico tedesco ha approvato la "GroKo". La Germania potrà ora finalmente procedere alla formazione di un nuovo governo, a guida Angela Merkel

22 Apr. 2018
referendum SPD germania
Angela Merkel e Martin Schulz. Credit: John MACDOUGALL/AFP

Oggi, domenica 4 marzo 2018, è stato reso noto il risultato del referendum interno al Partito socialdemocratico tedesco (Spd) con il quale i circa 460mila iscritti hanno definitivamente approvato la “Grande coalizione con l’Unione cristiano-democratica di Angela Merkel, dando il via alla formazione di nuovo esecutivo in Germania.

L’approvazione del referendum interno, con il 66 per cento dei voti, pone fine a cinque mesi di stallo politico.

Merkel, al potere in Germania da 12 anni, si è congratulata con i social democratici tedeschi.

Il referendum tra gli oltre 460mila iscritti dell’Spd per approvare o meno la “GroKo” (così è soprannominata l’intesa) ha tenuto la Germania con il fiato sospeso, dal momento che la consultazione è vincolante.

Il riassunto delle giornate precedenti al referendum interno all’SPD

Nei giorni scorsi era trapelata la notizie che i sostenitori di un’alleanza di governo con la Cdu/Csu di Angela Merkel fossero in netta crescita.

La ministra dell’ambiente dell’Spd, Barbara Hendricks ha parlato sul tema in una conferenza stampa a Berlino.

“Mi aspetto che il voto si manifesti in modo positivo, mi aspetto circa il 60 percento di consensi”, ha detto la ministra.

Il leader dei bavaresi della Csu, Horst Seehofer, ha detto oggi che se i membri dell’Spd dovessero votare contro la formazione di una nuova coalizione la Germania dovrebbe necessariamente tornare alle urne.

La votazione dei membri dell’Spd dura fino al 2 marzo, mentre il risultato dello scrutinio postale è previsto per il 4 marzo.

Leggi anche: Le sfide, le prospettive e gli obiettivi del nuovo governo di coalizione in Germania

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus