Me
“Non colpiscono gli ospedali a caso, siamo presi di mira scientemente”: parla un medico di Ghouta
Condividi su:
ospedali siria
Un medico siriano presta le cure a un bambino colpito dai bombardamenti siriani in una struttura sanitaria a Ghouta / Afp photo / Hamza Al-Ajweh

“Non colpiscono gli ospedali a caso, siamo presi di mira scientemente”: parla un medico di Ghouta

I medici che operano nel Ghouta orientale hanno dichiarato che sono solo tre le strutture sanitarie rimaste pienamente operative, tutte quante stracolme di feriti, dopo i bombardamenti che hanno provocato oltre 400 vittime negli ultimi tre giorni

23 Feb. 2018
ospedali siria
Un medico siriano presta le cure a un bambino colpito dai bombardamenti siriani in una struttura sanitaria a Ghouta / Afp photo / Hamza Al-Ajweh

Dopo quasi una settimana di bombardamenti incessanti, che hanno colpito 22 tra ospedali e cliniche, il sistema sanitario nel Ghouta orientale, in Siria, è prossimo al collasso.

I medici che operano nella regione hanno dichiarato che sono solo tre le strutture sanitarie rimaste pienamente operative, tutte stracolme di feriti dopo gli ultimi bombardamenti del 22 febbraio da parte dei jet delle aviazioni russa e siriana.

Medici Senza Frontiere ha riferito che 13 ospedali sono stati distrutti o danneggiati negli ultimi tre giorni.

Mentre i danni e il bilancio delle vittime continuano a crescere, le organizzazioni internazionali che monitorano la crisi siriana hanno affermato che ci sono prove evidenti della volontà di prendere di mira proprio gli ospedali e i luoghi di accoglienza.

“L’indicibile sofferenza a cui stiamo assistendo è stata deliberatamente pianificata e meticolosamente implementata nel tempo”, ha affermato Susannah Sirkin, direttrice della politica internazionale di Physicians for Human Rights, una Ong.

“La situazione attuale è il risultato letale di una strategia consapevole di assedio, blocco degli aiuti e, in definitiva, distruzione illegale di obiettivi civili con bombe: una tattica avviata dal governo siriano e dai suoi alleati ad Aleppo, e ora si ripete con brutalità in Ghouta orientale“, ha detto Sirkin.

Nel tentativo di affrontare la situazione a Ghouta, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite voterà venerdì su un progetto di risoluzione che prevede una tregua di 30 giorni in Siria per consentire la consegna di aiuti e di effettuare evacuazioni sanitarie, ma non è ancora chiaro se il testo vedrà l’appoggio del più importante alleato di Assad, la Russia di Putin.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha lanciato un appello il 21 febbraio per la fine immediata delle “attività di guerra” a Ghouta.

Il giorno successivo la Russia ha proposto degli emendamenti alla risoluzione elaborata da Svezia e Kuwait, sostenendo che il linguaggio non era realistico e che il consiglio di sicurezza composto da 15 membri non poteva semplicemente imporre una tregua sulla Siria senza consultare le parti in causa.

Non è chiaro quali modifiche verranno apportate al testo della risoluzione, che ha bisogno di nove voti favorevoli e nessun veto da parte dei membri permanenti Russia, Cina, Stati Uniti, Gran Bretagna o Francia.

Da quando è iniziata la sua guerra civile nel 2011, la Russia ha posto 11 veti su possibili azioni del Consiglio di sicurezza in Siria.

Il gruppo di pressione Violations Documentation Centre ha raccolto dati sugli attacchi in Siria, secondo cui gli ospedali sarebbero stati presi di mira con munizioni diverse da quelle usate altrove in Ghouta.

“Abbiamo osservato e documentato che il governo siriano ha preso di mira i punti medici con razzi diretti”, ha dichiarato Mona Zeineddine, direttrice delle comunicazioni del gruppo.

“Questo è importante da notare perché il regime siriano utilizza in gran parte bombe non guidate e improvvisate, ma quando si tratta di ospedali e punti medici, vengono utilizzati razzi guidati e diretti. Inoltre, quando un determinato sito medico viene colpito una volta, viene colpito nuovamente quando arrivano i primi soccorritori”.

Le autorità di Ghouta hanno anche riportato di attacchi a sei centri di difesa civile, usati per coordinare i tentativi di salvataggio.

“Siamo presi di mira direttamente dagli attacchi aerei”, ha detto Abu Saleh al-Ghoutani, un autista di ambulanze.

“Anche mentre stiamo salvando persone da sotto le macerie o guidandole verso gli ospedali, siamo colpiti senza pietà e in modo diretto. Aspettano di vedere dove guidiamo e ci bombardano”.

“Abbiamo 250 morti documentati e 1.700 feriti fino al 21 febbraio. Il bilancio delle vittime aumenterà perché alcuni sono gravemente feriti”.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede nel Regno Unito, almeno 403 persone sono state uccise e 2.166 sono stati i feriti nel Ghouta orientale dal 18 febbraio.

Il 22 febbraio la Russia ha bloccato una proposta di cessate il fuoco sulla regione del Consiglio di sicurezza dell’Onu, descrivendo la diffusa denuncia di ingenti vittime civili come un prodotto della “psicosi di massa”.

Un medico di Ghouta, che usa lo pseudonimo di Abu Bakr, ha dichiarato: “Siamo stati presi di mira direttamente. È una situazione empia; non eravamo preparati per questa brutalità. I civili non si aspettavano una simile crudeltà. Coloro che non sono in grado di raggiungere i rifugi sono esposti alla morte. Siamo presi di mira dalle bombe a botte e da tutti i tipi di missili. C’è scarsità di cibo e acqua. Non possiamo fare il nostro lavoro correttamente, è impossibile. Le nostre mani sono legate. Non c’è elettricità. Non sappiamo cosa accadrà nei prossimi giorni”.

Il dott. Ghanem Tayara, presidente dell’Unione delle cure mediche e delle organizzazioni di soccorso, ha dichiarato: “Anche la guerra ha regole e queste azioni violano innumerevoli risoluzioni Onu. Nelle battaglie militari, anche i morti e i feriti possono essere liberati. I civili di Ghouta non godono di tale dignità. I loro ospedali, scuole, magazzini di cibo sono distrutti e sono condannati a una morte lenta e dolorosa”.

“Non dovrebbe esserci una riunione del consiglio di sicurezza di emergenza per risolvere questo?”, ha detto Ghoutani.

“Non abbiamo avuto elettricità per quattro anni; i bambini muoiono, niente latte, niente cibo e niente acqua. I rifugi in cui le famiglie, le donne e i bambini si nascondono sono in condizioni terribili; non hanno pavimenti o finestre.

Leggi anche: Dove si combatte oggi in Siria: tutti i fronti di guerra

Leggi anche: “Il mondo sa che esistiamo?”: l’agghiacciante testimonianza di un’infermiera dall’inferno di Ghouta in Siria

Leggi anche: “Non è una guerra, è un massacro”: decine di persone uccise nell’enclave siriana di Ghouta

Leggi anche: L’Iran sta silenziosamente consolidando le sue forze armate in Siria

Leggi anche: Si parla sempre meno di Siria, ma il governo di Assad massacra ancora i suoi civili 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus