Me

Tonga è stata colpita dalla tempesta più potente degli ultimi 60 anni

Lo stato dell'Oceania è composto da un arcipelago di oltre 170 isole concentrate nel Pacifico a est delle Fiji e a nord della Nuova Zelanda

Immagine di copertina
Un'immagine della devastazione portata dal ciclone Gita nelle isole Tonga / Afp photo / John Pulu

Il ciclone Gita, una tempesta di categoria quattro, ha colpito l’arcipelago di Tonga durante la notte del 13 febbraio, causando enormi danni.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le linee elettriche sono fuori uso e i tetti delle case sono stati sradicate dai forti venti.

Il governo del paese aveva previsto la calamità e aveva annunciato lo stato di emergenza prima che la tempesta arrivasse, istituendo dei centri di evacuazione che hanno accolto migliaia di persone durante la notte.

La scrittrice Mary Fonua ha dichiarato a Radio New Zeland che “il vento era terrificante, stava ruggendo sopra la testa, potevamo sentire sollevarsi i tetti”.

“Ho potuto vedere le persone dall’altra parte della strada, il loro tetto stava svolazzando, stava cercando di disintegrarsi. Penso che molta gente fosse disperata la scorsa notte”.

L’ufficio metereologico del Regno Unito ha riferito che la tempesta, che ha portato venti di oltre 200 chilometri orari, è stata la più forte a colpire le isole Tonga nei tempi moderni.

Tonga è composta da un arcipelago di oltre 170 isole concentrate nell’Oceano Pacifico a est delle Fiji e a nord della Nuova Zelanda.

Anche la sede del parlamento, che ha oltre 100 anni di storia, è stata completamente distrutta.

Un deputato di Tonga, Lord Fusitu’a, ha dichiarato alla Abc News che il danno è “una grande delusione”.

“Le legislature nel corso degli anni hanno suggerito di costruire un nuovo parlamento e immagino che sarà una necessità ora”, ha detto.

Campagna regione lazio

Sione Taumoefolau, segretario generale della Croce Rossa di Tonga, ha dichiarato di aver inviato le sue squadre per iniziare a valutare il danno e liberare le strade in rovina.

“In questa fase non abbiamo rapporti di causalità e abbiamo riscontrato che ci sono solo feriti lievi, quindi penso che possiamo essere grati. Ma non abbiamo buone informazioni sulle isole esterne, quindi dovremo aspettare e vedere cosa troviamo oggi. È stata una notte spaventosa, l’intera casa stava tremando”.

Pita Taufatofua, sciatore di fondo della Tonga, portabandiera della squadra olimpica del suo paese alle olimpiadi invernali in corso in Corea del Sud, ha postato un suo commento sui suoi social media.

“Grazie per tutti i messaggi gentili di supporto”, ha detto Taufatofua sul suo account Facebook.

“Cose come questa mettono davvero in prospettiva la vita e ciò che è importante nella vita. Vorrei poter essere lì adesso per aiutare #prayersForTonga”, ha detto.

Si prevede che Gita si intensifichi arrivando alla categoria cinque, il livello più alto, mentre si muove verso le isole Fiji.