Me

L’aeroporto internazionale di Bali è stato riaperto dopo l’allarme per il vulcano Agung

L'aeroporto internazionale di Ngurah Rai ha riaperto dopo quasi tre giorni di chiusura causata dalla fitta coltre di fumo e cenere seguita alle esplosioni nella pancia del vulcano

Immagine di copertina
Credit: Afp

Mercoledì 29 novembre l’aeroporto internazionale di Ngurah Rai nell’isola di Bali ha riaperto dopo quasi tre giorni di chiusura causata dalla fitta coltre di fumo e cenere seguita alle esplosioni nella pancia del vulcano Agung, sentite fino a 12 chilometri di distanza.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il ripristino dei voli è arrivato dopo l’abbassamento del livello d’allerta ad arancione, grazie al cambiamento della direzione dei venti che sta allontanando le ceneri che impedivano una visibilità necessaria per garantire la sicurezza dei passeggeri.

Nelle prime 24 ore di blocco erano stati cancellati 445 voli, per un totale di 59 mila turisti bloccati.

Nei giorni scorsi le autorità locali, in previsione di un’imminente potente eruzione con covata lavica, hanno ordinato l’evacuazione di tutti i 100mila cittadini residenti nelle aree più a rischio.

Nella mattinata di lunedì 27 novembre le autorità statali e regionali dell’Indonesia hanno innalzato i livelli d’allerta fino al massimo dopo che il vulcano Agung, sull’isola di Bali, ha eruttato per diverse volte in meno di una settimana, emettendo pennacchi di cenere e vapori vulcanici che si diffondono nel cielo oltre 6mila metri sopra la popolare località turistica.

Il vulcano sul monte Agung ha eruttato una volta nella serata di sabato 25 novembre e tre volte nella mattina di domenica. I fumi e le ceneri si sono mossi verso l’isola di Lombok, che si trova lontana dall’aeroporto di Bali, dove alcuni voli nazionali sono stati cancellati.

La cenere ha coperto le strade, le automobili e gli edifici vicini al vulcano, nel nordest dell’isola. Alcune immagini dell’agenzia di stato Antara mostrano anche un bagliore rosso che è probabilmente magma.

“L’attività del monte Agung è entrata nella fase di eruzione magmatica. Sta ancora eruttando cenere per il momento, ma dobbiamo monitorarlo ed essere attenti per la possibilità di una forte eruzione esplosiva”, ha detto Gede Suantika, funzionario dell’Agenzia per la riduzione del disastro vulcanologico e geologico indonesiana.

L’isola di Bali, famosa per le sue spiagge e i templi, ha attirato quasi 5 milioni di visitatori l’anno scorso, ma gli affari sono crollati nelle aree intorno al vulcano da settembre 2017, quando l’attività vulcanica del monte Agung ha iniziato ad aumentare.

La montagna sovrasta Bali sul versante orientale, con un’altezza di poco superiore a 3mila metri. Quando il vulcano ha avuto per l’ultima volta un’eruzione esplosiva, nel 1963, sono morte oltre mille persone e diversi villaggi sono stati rasi al suolo.

Campagna regione lazio