Me
Almeno 31 morti in un naufragio al largo delle coste libiche
Condividi su:
Migranti Libia
Credit: Afp

Almeno 31 morti in un naufragio al largo delle coste libiche

Secondo un portavoce della Marina libica il bilancio delle vittime “è destinato a crescere.” I sopravvissuti sono stati trasportati al porto di Tripoli

25 Nov. 2017
Migranti Libia
Credit: Afp

Almeno 31 persone sono morte in un naufragio al largo delle coste libiche occidentali. Tra le vittime ci sono anche alcuni minori.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo Ayub Ghasem, portavoce della Marina libica intervistato dall’agenzia Ansa, il bilancio delle vittime “è destinato a crescere”, con diversi corpi già individuati in mare. La Guardia costiera ha detto che 200 sopravvissuti sono stati riportati al porto di Tripoli.

La Libia è il principale porto di partenza per i migranti africani che partono per raggiungere l’Europa, costretti ad attraversare il Mediterraneo a bordo di imbarcazioni o gommoni scadenti e pericolosi.

Molti individui vengono tratti in salvo nel corso di operazioni di recupero e trasportati in Italia, dove dall’inizio dell’anno sono arrivati 115mila migranti, nonostante l’aumento delle imbarcazioni intercettate e riportate nel nord Africa dalla Guardia costiera libica con il supporto dell’Europa.

Il numero dei migranti arrivati in Italia via mare è in calo da luglio, ma ha conosciuto un nuovo slancio nel corso di questa settimana.

Dall’inizio del 2017 quasi tremila persone sono morte o date per disperse mentre attraversavano il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. Per l’IOM (Organizzazione internazionale per le migrazioni) da quasi 20 anni il tratto di mare tra Libia e Italia rappresenta “la zona di confine più pericolosa e mortale del mondo.”

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus