Me
Perché è considerato ancora pericoloso per le donne viaggiare da sole?
Condividi su:
donne-viaggio-pericolo

Perché è considerato ancora pericoloso per le donne viaggiare da sole?

Esiste ancora una tendenza sessista a biasimare le viaggiatrici che amano girare il mondo in solitudine

04 Dic. 2017
donne-viaggio-pericolo

Viaggiare da soli: un’attività considerata normale per gli uomini, ma che si presta ancora a pregiudizi di natura sessista per le donne.

Se ti piace questa notizia, segui TPI pop direttamente su Facebook

La figura della viaggiatrice viene spesso ricondotta a stereotipi di genere, come quello della “femmina affascinante e avventurosa”.

Nell’agosto del 2016, due ragazze argentine di 21 e 22 anni, María José Coni e Marina Menegazzo, erano in viaggio in Ecuador e sono state uccise da due ragazzi del posto che si erano offerti di ospitarle per la notte.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Immediatamente dopo la notizia della loro morte si è sollevata un’ondata di commenti: la maggior parte non riguardava la brutalità con la quale le ragazze erano state uccise, quanto il fatto che “viaggiassero da sole”.

La studentessa paraguaiana Guadalupe Acosta ha allora pubblicato un post su Facebook, che è stato condiviso più di 730 mila volte,  dove evidenziava l’assurda legittimazione, in quei commenti, di domande sulle ragazze argentine come: “Quali vestiti indossavano?” oppure “Dove si trovavano?”.

Un’altra conseguenza del clamore mediatico suscitato dall’omicidio delle due ragazze argentine è stato l’hashtag #viajosola, viaggio sola, che ha spopolato su Twitter, dove sono state pubblicate frasi come questa: “Viaggiare è libertà. La libertà non ha genere”.

Negli ultimi anni sono nate diverse app che forniscono alle donne che amano viaggiare da sole informazioni attendibili e itinerari dettagliati. È il caso, ad esempio, di Pink Pangea. Nata nel 2009, oggi è una community che raccoglie dettagli e storie di viaggio di donne da tutto il mondo.

Tutti i viaggiatori devono prendere delle precauzioni, a prescindere da età e sesso. Qualunque tentativo di circoscrivere la libertà di movimento delle donne sulla base di un principio di genere continua ad alimentare la convinzione, errata, che la violenza contro di loro sia inevitabile e scontata.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus