Me

In Cina un ragazzo è morto in un centro per curare la dipendenza da internet

La morte del ragazzo ha riacceso le polemiche sulle modalità disumane utilizzate da alcuni di questi centri

Immagine di copertina

Un adolescente cinese è morto alcuni giorni dopo essere stato mandato in un centro di trattamento per la dipendenza da internet, nella provincia di Anhui. La sua morte ha riacceso le critiche nei confronti di questi controversi centri.

Il 18enne ha riportato alcune lesioni. Il direttore del centro e alcuni membri del personale sono stati fermati dalla polizia.

In Cina stanno sorgendo sempre più “boot camp”, campi di addestramento in cui vengono trattate le dipendenze da internet o dal gioco.

Alcuni sono conosciuti per la loro disciplina militare e sono stati criticati per le pratiche eccessivamente dure.

La madre del ragazzo morto ad Anhui, ha raccontato che suo figlio aveva sviluppato una grave dipendenza da internet che lei e suo marito non erano in grado di aiutarlo.

È stato per questo motivo che i genitori avevano deciso di mandarlo in un “boot camp” a Fuyang, che utilizza una combinazione di “consulenza psicologica e addestramento fisico” per curare i bambini  dalle loro dipendenze da internet.

Il ragazzo è arrivato al centro la notte del 3 agosto. Due giorni dopo, secondo quanto riferisce la Bbc, i genitori sono stati informati che era stato trasferito in ospedale, dove è morto poco dopo.

Non è ancora stata confermata la causa della morte, ma secondo quanto raccontano i genitori, il ragazzo avrebbe riportato oltre 20 lesioni esterne e alcune interne.

“Il corpo di mio figlio era completamente ricoperto di cicatrici, dalla testa ai piedi. Quando ho mandato mio figlio al centro stava bene, come è potuto morire in 48 ore?”, ha detto la madre del ragazzo al quotidiano Anhui Shangbao.

L’emittente televisiva statale cinese CCTV ha riferito che il direttore del centro e quattro addetti sono stati fermati dalla polizia. Le autorità hanno chiuso il centro per effettuare le indagini.

La morte del ragazzo ha riacceso le polemiche: in molti hanno chiesto una più severa regolamentazione dei centri di cura delle dipendenze, che in alcuni casi utilizzano metodi duri e inumani.

Molti hanno criticato anche i genitori dell’adolescente, sostenendo che tutto questo è dovuto alla mancanza di educazione familiare.

I boot camp si sono moltiplicati nel paese. Alcuni sono sostenuti dal governo, altri sono privati. E si è moltiplicata anche la loro popolarità nonostante le controversie che riguardano modalità quali elettroshock, percosse o abusi.

Questi centri fanno leva sui genitori che non sanno come affrontare le dipendenze dei propri figli e chiedono una soluzione rapida del problema.

Sono in corso di esame alcune proposte di legge per vietare questi trattamenti disumani. Nel frattempo alcune aziende hanno iniziato a porre restrizioni per i giochi online degli adolescenti.

Il mese scorso, il gigante di internet Tencent ha cominciato a imporre restrizioni alle ore di gioco per i gli utenti più giovani di uno dei suoi giochi più popolari.