Me
Un gommone con alcuni migranti è sbarcato tra i turisti su una spiaggia in Spagna
Condividi su:

Un gommone con alcuni migranti è sbarcato tra i turisti su una spiaggia in Spagna

Il fatto è avvenuto a Cadice alla presenza di numerosi bagnanti increduli che hanno assistito alla fuga messa in atto dagli immigrati una volta toccata terra

10 Ago. 2017

Alcuni migranti provenienti dal Nord Africa sono riusciti ad attraversare il Mediterraneo a bordo di un gommone e sono sbarcati sulla spiaggia di Zahara de los Atunes, 75 chilometri a sud della città spagnola di Cadice e a 80 chilometri a ovest della rocca britannica di Gibilterra.

Le immagini sono state girate da Carlos Sanz, che si trovava tra gli increduli bagnanti. Il video è stato poi pubblicato sul canale YouTube dall’emittente spagnola Todo Radio.

Il filmato mostra l’approdo sulla spiaggia degli uomini che sembrano di origine nord-africana e che, una volta toccata terra, si danno immediatamente alla fuga per evitare di essere fermati dalle autorità iberiche.

La pubblicazione di queste immagini arriva a pochi giorni dal tentativo operato da diversi gruppi di migranti di sfondare con la violenza la frontiera di Ceuta, l’exclave spagnola situata sulle coste del Marocco.

Alle prime ore del mattino dell’8 agosto, circa mille persone, armate di sassi e bastoni avevano sfondato i posti di guardia al confine, riuscendo a penetrare a Ceuta. Nonostante gli scontri con la polizia e gli agenti contusi, i migranti erano stati tutti catturati e portati in centri di espulsione.

La Croce Rossa ha dichiarato che nel 2017 oltre 7mila migranti hanno attraversato il confine spagnolo a Ceuta e Melilla, a fronte dei poco più di tremila e seicento del 2016.

Mille migranti hanno assaltato il confine tra Spagna e Marocco e sono stati respinti dalla polizia

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus