Me

L’account Instagram che analizza le cartoline brutte

Uno studente di design ha creato Cartoleena, dove analizza le immagini improponibili che affollano le spiagge

Immagine di copertina

È piena estate e ancora nel 2017 le spiagge sono affollate da espositori che contengono decine e decine di cartoline. La maggior parte delle quali brutte, con font e fotomontaggi improponibili.

Sarà il loro gusto retrò e vintage, ma queste immagini stampate su carta suscitano ancora un certo fascino.

C’è chi come Lorenzo Marchionni, uno studente di design, ha creato un account Instagram, chiamato appunto Cartoleena, dove analizza nelle didascalie – con serietà, competenza e ironia – il significato e il contesto di alcune cartoline provenienti da tutta Italia.

Ecco alcune delle più belle, o meglio “brutte”:

dalla Sicilia Lo spettacolo visivo che ci offre questo testo ci suggestiona a tal punto che, a fronte di cotanta abbondanza semiotica, l’occhio sembra smarrirsi in un vortice di stimoli. Mille sono i temi di cui poter discutere, come anche sono mille i baci di cui Catullo fece scaltra richiesta alla sua dama già durante il primo secolo ante Cristo. Sento tuttavia l’esigenza di approfondire un tema in particolare, che per scarsa fama ed altri motivi qui inutili da riportare, subisce da tempo la trascuratezza che non merita: il tema della scelta dei tipi. Scegliere un carattere tipografico significa impregnare il nostro elaborato visivo di una consistenza tecnica e comunicativa che già di per sé crea “visualità”. Il carattere tipografico conferisce, per l’appunto, carattere (identità animata) al nostro elaborato. Facendo riferimento al testo preso in esame, non c’è dubbio che la scelta progettuale delle font sia stata dettata dal peggiore dei diavoli dell’inferno. . . . #Catullo #iconologia #typo #typography #Sicilia #Inferno #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #island #culture #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #estetica #picture #image #see #landscape #colors #blue #picoftheday #instalike #imperoromano #Diavolo #travel

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

dalla Sardegna «Esageriamo?» «Esageriamo.» La leggenda narra che fu questo lo scambio verbale tra il committente e l’artista di questo testo visivo del tutto inusuale. Ci serve analizzarlo non tanto per la sua stravaganza, ma per la riflessione che stimola il tema insito nella sua essenza, che è quello dell’esagerazione, del “troppo”. Esagerare, dunque, comunemente sintomo di grossolana assenza di controllo, significa “eccedere” far qualcosa oltre il giusto, oltre il necessario. Tardo ottocentesco, a parer mio, è il culto dell’esagerato, propriamente caratterizzato dalla mostrazione dell’uomo che tutto può, bastando a se stesso. Ego smisurato di una cultura che ha portato a creare modelli di sussistenza non governati dall’essenzialità, ma dall’ostentazione di una ricchezza perlopiù materiale. Esagerare nei modi, nelle parole, nelle relazioni significa ad oggi avere un’occasione per essere notevolmente apprezzati dal consenso comune. Obbligatoria la menzione di uno dei testi del noto rapper italiano Fabri Fibra, nel quale ci fornisce gentilmente un consiglio per, a detta sua, “farcela”: esagerate! . . . #Esagerazione #iconologia #typo #dialogo #Sardegna #Ottocento #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #beach #architecture #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #estetica #picture #image #see #landscape #colors #blue #picoftheday #instalike #FabriFibra #Rap

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

da Marotta Tralasciando una lettura di carattere iconologico (per approfondimenti si legga E.Panofsky) proponiamo senza indugio quella di carattere figurale. Immaginariamente vergini dalle quattrocentesche leggi di rappresentazione prospettica, tentiamo dunque di focalizzarci sull’immediatezza del testo, nel suo presentarsi “tutto e subito”. Non più segni grafici pregni di inchiostro, ma semiosi di eventi, ritmi, opacità, effetti di trasparenza e nitidezza. Di grande interesse visuale l’effetto della ripetizione costante, bandiera di un processo di significazione per l’appunto indelebile. Vogliamo comunque tentare un riferimento figurativo? Direi con ottime probabilità che qualcuno possa aver riunito le sette sfere del drago e che il cielo stia lentamente scurendo in attesa dell’arrivo del Drago Shenron. . . . #prospettiva #iconologia #typo #costruttivismorusso #Marotta #Panofsky #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #beach #architecture #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #estetica #picture #image #see #landscape #colors #blue #picoftheday #Shenron #sferedeldrago

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

da Viareggio Poniamo l’attenzione sulla questione del “nome” che da innumerevoli generazioni sembra essere l’attività che maggiormente rassicura l’uomo e lo rende capace di conoscenza. “Margherita Ristorant” si tratta senza dubbio del frutto di un oculato processo di “naming”, curato attentamente in ogni suo possibile sfogo comunicativo. La scelta di un’insegna con un carattere graziato innesca nel suo fruitore un immediato senso di raffinatezza. Pregevole anche l’utilizzo della luce: “Margherita ristorant” si configura nel testo visivo come un piccolo barlume di speranza nel vasto buio di tristezza circostante. Doveste, oh forestieri, passare fortuitamente per Viareggio, fossi in voi, non avrei dubbi nella scelta del loco in cui rifocillar lo stomaco e l’animo mio. . . . #ristorant #margherita #typo #grazie #Viareggio #italy # #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #light #lightdesign #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #estetica #picture #image #see #landscape #colors #yellow #picoftheday

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

da Punta Ala Ad oggi ancora mi chiedo come non rimaner basiti davanti alla potenza figurale di un tale capolavoro. Laddove capire significa padroneggiare, l’autore ci lascia nel baratro dell’inconsistenza. Spregevole forma di egoismo o grande opportunità immaginale? Cosa può significare la “finestra” che porta in grembo la totalità dei colori dell’iride? L’antica tradizione artistica giapponese si rivolge sempre al suo interlocutore lasciando a lui stesso il privilegio di completare l’opera attraverso l’immaginazione. Che siano dunque orientali le origini dell’anonimo produttore di questo testo? Di fronte ad una sì consistente mole di incertezze l’animo (quantomeno il mio) rivela un grande turbamento. Nel dubbio: rose scontornate alla cosiddetta “buona” in primissimo primo piano. . . . #estate #summer #rose #casulità #PuntAla #giappone #japan #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #igerspuntala #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #estetica #picture #image #see #landscape #colors #white.

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

Campagna regione lazio

da Dubrovnik Si avvicina l’estate e il nostro interesse si sposta laddove i testi si caratterizzano per la loro parvenza esotica. Chiamiamo all’appello una breve lettura figurativa, tanto per ricordare il modello paradigmatico che contraddistingue gli artefatti comunicativi di ogni località marittima: viste aeree di edifici privati al mare posseduti da privati che possiedono edifici al mare. Ponendo ulteriore attenzione al testo selezionato, tentiamo la possibile analisi che riporta a quel “linguaggio secondo”, a cui greimassianamente facciamo spesso riferimento. Una caffettiera “Moka” porta in grembo un contrasto cruciale, che si pone in lacerante rottura topologica con gli universi adiacenti. Ciò che non tarda mai ad esserci è il terso cielo. . . . #Estate #Summer #Topologico #casualità #Dubrovnik #aeree #Greimas#Categorie #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #igers #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #estetica #filosofia #picture #image #see #landscape #skyline

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

da Castelfidardo Una quadripartizione generata da assi ortogonali rende esplicito il riferimento a Cartesio, Castelfidardo rappresenta dunque lo “zero” di un sistema tanto complesso quanto genuino. Si prenda in esame il trialogo figurativo tra le due fontane e la fisarmonica fissata nel primo quadrante. Nulla ci impedisce di pensare che queste non raccontino integralmente l’essenza storica della località che presentano: quali elementi migliori per intrigare il pubblico ed invogliarlo a se? Mi piace, quando possibile, integrare l’analisi del testo con aneddoti dal taglio accattivante: sembra che gli elementi orizzontali che formano il “lettering” della scritta “Castelfidardo” abbiano ispirato il logotipo della celebre azienda “IBM”. . Ps: il termine “trialogo”(ispirato a dialogo) non esiste, ma soddisfaceva perfettamente le esigenze dell’autore nell’esprimere il concetto. Per questo motivo è stato coniato. . . . #fisarmonica #fontane #moltoacaso #casualità #Castelfidardo #roccie #Cartesio #assicartesiani #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #igers #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #trialogo #estetica #filosofia #picture #image #montagna

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

da Venezia Il testo visivo preso in esame è il primo, tra quelli proposti, che non porta con se un’indicazione di tipo geografico. A cosa si deve tale scelta? Così come non c’è bisogno di scrivere “Nike” per riconoscere il celebre “baffo” del marchio sportivo, non è necessario scrivere il nome della Serenissima, per riconoscerla nello splendore del sua massima carica monumentale: Piazza San Marco. Sebbene nascosta nel buio, nel fumo, nella turbolenta folla, è interessante vedere come questa non lasci decadere l’espressione del suo senso “altro”, di cui, da lunga tradizione storica, si fa portavoce. . . . #celebre #fumo #massimosplendore #uglyvenice #Venice #Venezia #PiazzaSanMarco #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #igersitalia #semiotic #love #mood #instagram #semiotica #estetica #filosofia #casualità #picture #image

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

da San Marino È chiaro che qualcosa sfugge alla logica del razionale. Un supporto figurativo porta in grembo il suo naturale contenuto, l’altro un castello su sfondo magrittiano. I due elementi comunicano tra di loro scambiandosi sguardi di intesa, ma per Jacques Lacan, noto psicanalista francese, lo sguardo è un chiasmo, un incrocio tra colui che vede e colui che viene veduto. In questo modo è semplice comprendere che il cielo è si azzurro, ma in potenza vermiglio, ed il castello esibisce si merli, ma in potenza semi neri di cocomero. . . #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #igers #SanMarino #semiotic #love #mood #instagram #Lacan #Magritte #sguardi #see #picture #image #castello #watermelon #summer

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data:

da Anacapri Il tema della casualità (dell’elemento quindi fortuito) è stato nel tempo oggetto di grandi riflessioni teoriche. Sembra però che non esista, quantomeno a fronte delle mie umili ricerche, una metodologia che spieghi come il caso possa essere utilizzato senza astrarlo dalla sua natura originale. Pare che l’autore sconosciuto di questa opera abbia concepito il seme di un equilibrio perfetto. I formanti figurativi disposti ante lo sfondo, rivendicano la loro collocazione casuale nello spazio, ritmando aulicamente tra di loro in un sinolo tra espressione e contenuto. . . . #coseacaso #caso #casualità #design #graphicdesign #good #graphic #illustration #igers #Anacapri #semiotic #love #mood #instagram #Aristotele #Semiotica #filosofia #casualità #picture #image #sea #sunset

Un post condiviso da Lorenzo Marchionni (@cartoleena) in data: