Me
Una foto inedita apre a una nuova teoria sulla scomparsa dell’aviatrice statunitense Amelia Earhart
Condividi su:
Amelia Earhart
L'aviatrice statunitense Amelia Earhart, scomparsa nel 1937 insieme al suo navigatore Fred Noonan

Una foto inedita apre a una nuova teoria sulla scomparsa dell’aviatrice statunitense Amelia Earhart

Un'immagine mostrata in un documentario mette in dubbio che la pilota sia morta nell'incidente aereo del 1937 mentre sorvolava l'Oceano Pacifico

06 Lug. 2017
Amelia Earhart
L'aviatrice statunitense Amelia Earhart, scomparsa nel 1937 insieme al suo navigatore Fred Noonan

Sono trascorsi ottant’anni da quando l’aviatrice statunitense Amelia Earhart è scomparsa mentre sorvolava l’Oceano Pacifico con l’obiettivo di diventare la prima pilota a fare il giro del mondo.

Anche se i suoi resti e quelli del suo navigatore Fred Noonan non sono mai stati ritrovati, nel 1939 – due anni dopo la loro scomparsa – i due sono stati dichiarati legalmente morti dagli Stati Uniti. La loro scomparsa è rimasta da allora un mistero e in proposito si sono diffuse diverse teorie.

Ora una nuova foto, rinvenuta negli archivi nazionali statunitensi e mostrata in uno speciale del canale televisivo Nbc, riporta alla luce la teoria secondo la quale Earhart e il suo navigatore non sarebbero morti in un incidente aereo, ma sarebbero stati presi come prigionieri dai giapponesi.

Come rivela il documentario a reperire la foto è stato l’investigatore Les Kinney, un agente federale in pensione, secondo il quale l’immagine è stata scattata nel 1937 sull’Atollo Jaluit, nelle isole Marshall, che si trovavano all’epoca sotto il controllo giapponese.

La foto mostra due individui caucasici, un uomo e una donna, su un molo, circondati da abitanti locali. Secondo alcuni storici, si tratta probabilmente di Amelia Earhart e Fred Noonan.

National Archives/History Channel

Secondo uno degli esperti intervistati nel documentario, i capelli e il naso dell’uomo corrispondono a quelli di Noonan, mentre i capelli corti e i pantaloni indossati dalla donna richiamano lo stile dell’aviatrice statunitense.

Inoltre, la nave da guerra giapponese sullo sfondo, chiamata Koshu, sembra trainare qualcosa che corrisponde all’aereo di Earhart.

La foto sarebbe stata scattata da una spia che monitorava l’attività militare giapponese nel Pacifico per conto degli Usa.

Secondo quanto riportato da Nbc News, per decenni gli abitanti locali hanno detto di aver visto l’incidente in cui è stato coinvolto l’aereo di Earhart e di aver visto l’aviatrice e il pilota essere portati via.

Alcuni locali, all’epoca bambini, hanno detto di aver visto Earhart prigioniera e la storia è stata documentata con francobolli emessi nel 1980.

“Riteniamo che Koshu l’abbia portata a Saipan, sulle isole Marianne, e che lei sia morta mentre si trovava prigioniera dei Giapponesi”, ha detto Gary Tarpinian, che ha prodotto lo speciale. “Non sappiamo come sia morta e quando”.

National Archives / Nbc

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus