Me
Cinque modi in cui uccidiamo i nostri sogni
Condividi su:

Cinque modi in cui uccidiamo i nostri sogni

L'imprenditrice e scrittrice brasiliana Bel Pesce ha analizzato in una TED Talk i falsi miti che seguiamo e che non ci permettono di raggiungere i nostri obiettivi

06 Lug. 2017

“Ho dedicato gli ultimi due anni a capire come le persone realizzano i propri sogni. Quando pensiamo ai sogni che abbiamo, e al segno che vogliamo lasciare nel mondo, è affascinante vedere quanto sia grande il divario tra i sogni che abbiamo e i progetti che non diventano mai realtà”.

L’imprenditrice e scrittrice brasiliana Bel Pesce in un TED talk del 2015 ha analizzato cinque miti che fanno fallire i nostri sogni.

Bel spiega anche quali sono gli errori più banali che commettiamo quando cominciamo a ragionare sui nostri desideri.

1. Credere nel successo improvviso

Credere nel successo dal giorno all’indomani è il primo modo con cui uccidiamo i nostri sogni. L’esperta apre il suo discorso con la storia di chi raggiunge il successo immediato grazie alla creazione di un’applicazione.

In realtà le cose non stanno proprio così: dietro quel successo c’è un lavoro, uno studio e una ricerca che sono cominciati anni prima.

2. Credere che qualcun altro abbia le risposte che cerchiamo

Un altro errore che commettiamo è quello di aspettarci che siano gli altri a dover facilitare la nostra vita mentre cerchiamo di raggiungere un obiettivo. Così, quando le cose non vanno o c’è da prendere una decisione, speriamo che siano loro a farlo al posto nostro.

Non sono gli altri ad avere le risposte giuste per noi, ma dobbiamo essere capaci di prendere decisioni nella vita. E se sbagliamo, accettarlo e capire il perché dei nostri errori.

3. Credere di doversi accontentare quando si è raggiunto un successo

Il terzo errore è meno identificabile degli altri. Quando abbiamo raggiunto un primo risultato, tendiamo a fermarci, senza ambire ad altro.

Quando si ottengono successi, bisogna impegnarsi ancora di più, per trovare un altro picco da raggiungere.

4. Credere che sia responsabilità degli altri realizzare i nostri sogni

Uno dei miti più classici è credere che se non riusciamo a ottenere un risultato sia colpa degli altri. Questa è anche la strada più semplice per arrendersi.

Pesce ci ricorda che se nessuno ha deciso di investire su un nostro progetto è colpa nostra: non dobbiamo restare delusi se gli altri non hanno creduto in noi. Probabilmente siamo stati poco bravi a scommettere su un determinato sogno. 

5. Credere che nella vita contino solo gli obiettivi

L’ultimo – e più frequente errore – è credere che le uniche cose che hanno valore siano i sogni stessi.

Una frase che sentiamo spesso è: “Nella vita conta il viaggio”. Secondo l’esperta, per quanto banale possa essere, questa espressione è vera e non dobbiamo dimenticarla.

Non bisogna pensare unicamente all’obiettivo che vogliamo raggiungere, ma capire che per non fallire dobbiamo prestare attenzione al percorso che stiamo compiendo. L’unico modo per realizzare davvero i nostri sogni è godersi appieno ogni tappa del viaggio.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus