Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

I trucchi per fotografare al meglio il cibo

Una delle abitudini più diffuse tra gli aspiranti fotografi è quella di ritrarre i piatti, al ristorante e a casa. Ma sono pochi quelli che sanno farlo davvero bene

Immagine di copertina
Credit: Birgit Loit

Se c’è un’arte che negli ultimi anni è diventata incredibilmente più praticata che in passato, questa è la fotografia. Grazie agli smartphone e a social network come Instagram è diventata alla portata di tutti.

Tutti hanno ormai una fotocamera a disposizione, in quasi qualsiasi momento della giornata, ma non è automatico che tutti siano diventati dei fotografi provetti. Molti si ritrovano a invidiare le foto perfette dei loro amici seguiti su Instagram o Facebook.

Per ovviare a questo problema, il quotidiano britannico The Independent ha chiesto aiuto a due esperti, Anett Velsberg – fotografa e food stylist – e Daniel Krieger – fotografo specializzato in cibo.

Una delle abitudini più diffuse tra gli aspiranti fotografi è quella di fotografare i piatti, al ristorante e a casa. Ma sono pochi quelli che sanno farlo davvero bene.

La primissima regola è che il cibo deve sembrare delizioso a chi lo guarda.

Il più grande errore che le persone fanno quando fotografano il cibo è accontentarsi dell’illuminazione anche quando questa è scarsa o non all’altezza.

Una bella giornata di sole e un luogo della casa che sia ben illuminato con la luce solare è un buon punto di partenza, ma con pochi soldi si possono acquistare anche un riflettore e un pannello di gommapiuma bianco, ottimi per bilanciare le ombre sull’immagine.

“C’è sempre una ‘star’ tra i cibi nella foto, e i colori, le forme e gli equilibri circostanti funzionano come ‘cast non protagonista’”, spiega Velsverg. Lo scopo è avere un punto focale chiaro ma anche diversi livelli di profondità.

Infine, dopo aver scattato la foto una parte fondamentale riguarda la post-produzione, che Krieger e Velsberg effettuano con Adobe Lightroom, ma che si può svolgere anche con applicazioni come VSCO e Snapseed.

È utile esaltare i colori, ma non bisogna esagerare con i filtri per far sì che l’immagine perda ogni naturalezza. E che il cibo risulti poco reale, e appetibile.