Me
La blogger che si è avvelenata per errore in diretta streaming
Condividi su:

La blogger che si è avvelenata per errore in diretta streaming

Una donna cinese è apparsa in un video mentre mordeva quelle che secondo lei erano foglie di Aloe vera. In realtà la pianta era un'altra, e altamente tossica

03 Lug. 2017

La blogger cinese conosciuta sul web con il nome di Zhang stava tenendo una diretta streaming nella quale voleva mostrare gli effetti benefici dell’Aloe vera e i suoi possibili utilizzi, quando qualcosa è andato storto.

La 26enne, apparsa in video con due enormi foglie di quella che secondo la ragazza era Aloe vera, aveva cominciato a dare morsi alla pianta quando la sua espressione è cambiata rapidamente.

Zhang si è avvelenata credendo di mangiare Aloe vera, mentre quella che aveva tra le mani era Agave americana, una pianta velenosa che contiene agenti irritanti e pericolosi per l’organismo umano.

Ai media locali, Zhang ha raccontato che un solo morso le ha provocato delle forti irritazioni all’interno della bocca e che presto ha sentito la gola in fiamme, motivo per il quale ha dovuto subito interrompere la diretta e recarsi al pronto soccorso.

All’ospedale, i medici hanno rinvenuto diverse eruzioni cutanee e vesciche sul corpo della donna, alla quale si è dovuta effettuare una lavanda gastrica per rimuovere le parti della pianta velenosa e salvarle la vita.

Le condizioni della ragazza sarebbero stabili, ma l’episodio mostra i pericoli di chi testa piante esotiche senza le dovute conoscenze.

La pianta di Agave contiene cristalli di ossalato di calcio, oli acidi, saponini e altri composti che sono dannosi per il corpo umano. Secondo gli studiosi dell’Università di agricoltura e scienze della vita della Cornell University negli Stati Uniti, la pianta ha diverse componenti tossiche che sono “incredibilmente irritanti”.

Le foglie di Aloe vera, invece, sono innocue, a parte avere effetti lassativi quando assunte in ​​dosi eccessive. Blogger affermati in campo alimentare e per la salute del corpo pubblicano regolarmente video in cui mostrano come cucinare la pianta: aggiungendola alle insalate o utilizzandola nei frullati.

La parte esterna della pianta può essere mangiata, anche se è molto spessa. Generalmente si utilizza solo la parte interna chiara del gambo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus