Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Come erano i reggiseni negli anni Quaranta e Cinquanta

Immagine di copertina

In inglese si chiamava Bullet Bra e indicava quello che in Italia era conosciuto come il “reggiseno a proiettile”, un capo d’abbigliamento intimo che divenne celebre nel dopoguerra, tra gli anni Quaranta e Cinquanta.

La caratteristica di questo indumento era quella di essere a punta, prolungando la linea del seno ben oltre la normale fisionomia del corpo. L’idea era mettere in rilievo la parte più erogena del seno, ovvero il capezzolo.

A renderli famosi furono le attrici e le star del calibro di Marilyn Monroe, Lana Turner, ma anche l’italiana Virna Lisa.

Prime indossatrice di questo nuovo modello di reggiseno furono le pin-up del momento, capitanate da Betty Page; quindi vennero Sophia Loren, Jane Russell e Gina Lollobrigida.

I reggiseni venivano realizzati in rayon o nylon, costruiti con più coni connessi tra loro che sostenevano il seno prima dell’invenzione del ferretto.

Negli anni Sessanta si diffuse un altro modello, più comodo e confortevole che supportava la moda di corpi filiformi. Questo stile voleva mascherare le forme e rese vetusto il Bullet Bra.

Negli anni Ottanta lo stilista Jean Paul Gaultier ripropose questo tipo di reggiseno. Madonna, star del momento, decise di indossare 2 modelli proposti dallo stilista francese durante il suo Blonde Ambition Tour: scelse due guêpière di raso, una rosa l’altra dorata, con coppe esageratamente coniche.

Bullet Bra, il reggiseno a proiettile Bullet Bra, il reggiseno a proiettile Bullet Bra, il reggiseno a proiettile Bullet Bra, il reggiseno a proiettile Bullet Bra, il reggiseno a proiettile Bullet Bra, il reggiseno a proiettile Bullet Bra, il reggiseno a proiettile