Me

Un elicottero ha attaccato la Corte suprema del Venezuela

Lanciate alcune granate ed esplosi colpi contro il ministero dell'Interno. Nessun ferito. Il presidente Maduro parla di “attacco terroristico”

Immagine di copertina

Un elicottero della polizia ha lanciato quattro granate sulla Corte suprema del Venezuela, a Caracas, e ha esploso 15 colpi sul ministero dell’Interno, dove molte persone erano riunite per un evento, martedì 27 giugno 2017. Il presidente Nicolas Maduro ha definito l’episodio “un attacco terroristico” che mirava a un colpo di stato.

Non risulta al momento nessuna persona ferita.

– LEGGI ANCHE: La foto simbolo nelle proteste in Venezuela contro Maduro

Il militare accusato di aver guidato l’elicottero rubato si chiama Oscar Perezha diffuso una dichiarazione denunciando un “governo criminale”. Ma le autorità non sanno dove si trovi.

La Corte suprema è stata più volte criticata dall’opposizione venezuelana per le sentenze con cui ha supportato il presidente Maduro nella sua lotta per mantenere il potere.

L’attacco arriva dopo proteste di massa nel paese contro la crisi politica ed economica, represse duramente dalle forze di sicurezza e costate la vita a 75 persone.

“Presto cattureremo l’elicottero e chi si nasconde dietro questo atto terroristico armato contro le istituzioni del paese”, ha detto Maduro. “Avrebbero potuto provocare decine di morti”.

– LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sulla crisi in Venezuela