Me
Più di tremila persone sono state uccise nella Repubblica democratica del Congo negli ultimi otto mesi
Condividi su:
Da agosto 2016, l’ONU ha scoperto ventitre fosse comuni nella Repubblica democratica del Congo

Più di tremila persone sono state uccise nella Repubblica democratica del Congo negli ultimi otto mesi

Le vittime sarebbero morte durante gli scontri in corso tra le forze di sicurezza governative e le milizie ribelli della regione del Kasai, al centro del paese africano

Da agosto 2016, l’ONU ha scoperto ventitre fosse comuni nella Repubblica democratica del Congo

Secondo fonti locali citate in un report della Chiesa cattolica, da ottobre a oggi, 3.383 persone sono state uccise nella Repubblica democratica del Congo e l’esercito avrebbe anche distrutto dieci villaggi. L’ONU ha inoltre riportato la scoperta di 23 fosse comuni dall’agosto del 2016.

In un rapporto separato, il Consiglio Norvegese per i rifugiati sostiene che più di 1,3 milioni di persone sono state sfollate a causa della violenza in quella che definisce una delle più grandi crisi di rifugiati del mondo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus