Me
La risposta perfetta di una mamma alla figlia che l’ha definita grassa
Condividi su:

La risposta perfetta di una mamma alla figlia che l’ha definita grassa

La replica della modella curvy Allison Kimmey su Instagram ha raccolto migliaia di commenti e condivisioni

20 Apr. 2018

La figlia di Allison Kimmey, dopo che la donna cercava di far uscire i suoi figli dalla piscina per tornare a casa, era così arrabbiata da commentare con suo fratello che sua madre era grassa.

Allison Kimmey, modella curvy seguita da migliaia di persone su Instagram, ha deciso, una volta tornata a casa, di chiarire la questione con i suoi figli.

“Grasso non è una brutta parola in casa nostra” ha cercato di insegnare la mamma ai suoi bambini. Resasi conto di non poter controllare quello che i suoi figli sentono a scuola o fuori di casa, ha voluto chiarire loro che non bisogna considerare la parola grasso come un insulto.

“È nostro compito essere la voce più forte, positiva e coerente che sentono i nostri figli”, ha dichiarato la Kimmey. La signora ha poi voluto pubblicare su Instagram la lezione appena impartita ai suoi bambini.

“La verità è che io non sono grassa. Nessuno è grasso. Non è qualcosa che si può essere. Il grasso è qualcosa che si possiede. Tutti noi abbiamo del grasso. Protegge i nostri muscoli e le nostre ossa e provvede a immagazzinare e fornirci energia quando ne abbiamo bisogno”, ha scritto la Kimmey.

Mentre sua figlia si è scusata per aver chiamato grassa la mamma, ha riconosciuto di avere anche lei dei piccoli depositi di grasso. “Tutti li abbiamo. Tutte le persone del mondo hanno del grasso ma ognuno di noi ne ha in differenti quantità”, ha risposto sua madre.

In pochi giorni, la lezione della signora Kimmey ha subito raccolto migliaia di commenti e condivisioni sia su Instagram che su Facebook.

Non è la prima volta che un intervento sui social network della signora Kimmey diventa virale. Nell’agosto del 2016 la modella aveva pubblicato delle proprie foto prima e dopo il suo aumento di peso, sostenendo di sentirsi più sicura di se stessa dopo aver preso peso.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus