Me

La polizia britannica ha reso noti i nomi degli attentatori di Londra

Si tratta di Khuram Butt e Rachid Redouane, che hanno investito i pedoni nei paraggi del London Bridge nella serata del 3 giugno 2017.

Immagine di copertina

La polizia britannica ha reso noti i nomi di due dei tre attentatori di Londra, che sabato 3 giugno hanno causato la morte di 7 persone prima di essere uccisi dalla polizia.

Si tratta di Khuram Butt e Rachid Redouane, che con un furgone, insieme a un altro complice, hanno investito i pedoni nei paraggi del London Bridge, continuando la folle corsa fino a fermarsi fuori dal pub Barrow Boy and Banker, in Borough High Street.

Khuram Butt aveva 27 anni, ed era sposato con figli. Era il solo dei tre terroristi ad essere noto alle forze di polizia, ma nei suoi confronti non era stato preso alcun provvedimento.

Rachid Redouane era un cuoco di 30 anni di origine libico-marocchina.

Nelle prime ore di lunedì la polizia aveva effettuato due raid in due diversi indirizzi situati nella parte orientale della città e ha arrestato un numero imprecisato di persone sospettate di essere legate all’attacco.

Intanto le 12 persone arrestate nel quartiere di Barking dopo raid di polizia sono state tutte rilasciate senza accuse a loro carico.

L’attentato è stato rivendicato dall’Isis nella serata di domenica 4 giugno.

Nella sera di sabato 3 giugno, intorno alle 22 ora locale, un attentato terroristico ha avuto luogo a Londra, Regno Unito, precisamente sul London Bridge e poi nell’area del Borough Market, poco distante.