Me

E se la Cina non fosse il paese più popoloso del mondo?

Yi Fuxian, studioso dell'Università del Wisconsin, pensa che le statistiche abbiano sovrastimato il numero di abitanti cinesi, che sarebbero superati da quelli indiani

Immagine di copertina

Se ci chiedessero a bruciapelo qual è la nazione più popolosa del mondo non avremmo dubbi: risponderemmo immediatamente: “La Cina”. Eppure quello che abbiamo sempre pensato essere la risposta giusta potrebbe non essere più vera ormai da anni. Il primato spetterebbe a un altro paese asiatico: l’India.

Yi Fuxian, studioso cinese dell’Università del Wisconsin, ha dichiara durante una conferenza a Pechino di essere convinto che le statistiche demografiche cinesi abbiano sovrastimato la popolazione di circa 90 milioni di unità. E che ormai l’India è la nazione più popolata del pianeta.

“Penso che il numero reale degli abitanti cinesi sia di 1,29 miliardi, ma il governo ha stimato la popolazione in 1,38 miliardi”, ha Fuxian, intervistato dal quotidiano britannico Guardian. “L’India potrebbe già avere 1,32 miliardi di abitanti in questo momento”.

Yi sostiene che Pechino, che ha abbandonato la sua politica del figlio unico nel 2015, dovrebbe immediatamente abolire tutte le pianificazioni sulle nascite per non ritrovarsi a dover fronteggiare una crisi dovuta dall’invecchiamento della popolazione.

Molti demografi cinesi e indiani hanno accolto le dichiarazioni con scetticismo.

Wang Feng, demografo dell’Università della California, ha respinto le affermazioni di Yi come di parte, sensazionali, disordinate e basate su calcoli estremamente politicizzati.

“Non sono in disaccordo con le sue critiche generali sul controllo delle nascite della Cina”, ha aggiunto Wang. “Ma dobbiamo parlare di fatti, non di congetture. Penso che quello che voglia dire è che la fertilità è molto bassa in Cina, il governo ha gonfiato i numeri delle nascite e che quindi la Cina non dovrebbe avere una politica di controllo delle nascite”.

Anche alcuni studiosi indiani hanno respinto l’ipotesi di Yi. “La Cina rimane il paese più popoloso, ma l’India la supererà entro il 2025”, ha dichiarato Laushram Ladu Singh, ricercatore dell’Istituto Internazionale demografico di Mumbai.

La popolazione indiana, che attualmente conta 1,3 miliardi di persone, è quadruplicata dal momento che il paese è diventato indipendente nel 1947. La sua velocità di crescita è ancora molto elevata. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità la popolazione dell’India raggiungerà 1,7 miliardi di abitanti entro il 2050 e da lì inizierà il declino.

Negli stati meridionali come Tamil Nadu e Kerala, dove la qualità della vita è più alta, la crescita della popolazione si è già stabilizzata. La crescita demografica si concentra principalmente in otto stati settentrionali, tra cui Uttar Pradesh e Jharkhand, che sono gli stati meno sviluppati.

Wang si è detto d’accordo con il fatto che gli statistici cinesi potrebbero aver sovrastimato la dimensione della popolazione cinese, ma non “sarebbero così stupidi da sovrastimarla di 90 milioni di unità”, l’equivalente del doppio della popolazione spagnola.

Se le tendenze attuali dovessero continuare, secondo Wang, nei prossimi cinque anni, la popolazione cinese potrebbe raggiungere circa 1,4 miliardi di persone, per poi cominciare a diminuire.

La popolazione indiana, a seconda del suo tasso di crescita, potrebbe superare la Cina entro il prossimo decennio.