Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il nuovo sito di Google che aiuta a capire la crisi dei rifugiati siriani

“Searching for Syria” permette di accedere a video a 360 gradi di antichi siti danneggiati o distrutti durante il conflitto in Siria e leggere storie di rifugiati siriani

Immagine di copertina

Com’era la Siria prima della guerra? Cosa sta succedendo nel paese? Chi sono i rifugiati? Per rispondere a queste e ad altre domande comuni sulla crisi siriana l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ha realizzato il sito Searching for Syria, lanciato lunedì 22 maggio 2017. Il sito è stato realizzato in partnership con Google, che lo assocerà alla sua homepage in alcuni paesi specifici.

Searching for Syria è una piattaforma interattiva che permette di accedere a video a 360 gradi di antichi siti danneggiati o distrutti durante il conflitto, o a foto di Google Earth scattate prima dell’inizio della guerra civile lunga sei anni.

Il sito include anche storie di persone sfollate a causa del conflitto siriano, insieme a dati che danno la misura di quanto questo abbia devastato la zona.

“Searching for Syria mira a sfatare i miti e le idee sbagliate sulla Siria e sui rifugiati e offrire uno sguardo completamente nuovo sulla più grande tragedia umanitaria di oggi”, ha dichiarato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. “Questo è un fantastico progetto con Google che ci permette di individuare e rispondere alle cinque domande fondamentali sui profughi siriani e sfollati che il pubblico ha più voglia conoscere e aiutarci a raccogliere sostegno e finanziamenti necessari per il nostro sforzo umanitario”.

Il sito è disponibile in inglese, francese, tedesco e spagnolo. Una versione in arabo sarà presto disponibile.