Me
È iniziata l’evacuazione dei ribelli da una zona di Damasco
Condividi su:

È iniziata l’evacuazione dei ribelli da una zona di Damasco

Si tratta della prima volta dal 2011 che ribelli e civili siriani vengono fatti evacuare dalla capitale

08 Mag. 2017

Per la prima volta dal 2011, i ribelli siriani hanno iniziato l’evacuazione, insieme ai civili, dalla zona di Barzeh, il quartiere ribelle alla periferia nordorientale di Damasco. La notizia è stata riportata dalla televisione di stato.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

All’alba dell’8 maggio alcuni autobus sono entrati nell’area, da cui è prevista l’uscita di 1500 combattenti e dei loro familiari, in direzione della provincia di Idlib, nel nordovest del paese, una zona ancora quasi totalmente controllata dalle fazioni islamiste e dai ribelli. 

Nei prossimi giorni continueranno le evacuazioni, operazioni che rientrano nell’applicazione del memorandum di Astana, l’accordo sulle zone cuscinetto sottoscritto da Russia, Iran e Turchia ed entrato in vigore il 6 maggio.

Un portavoce militare di un gruppo ribelle ha confermato l’inizio dell’operazione di evacuazione, ma ha sottolineato che la sua fazione non ha preso parte a nessuna negoziazione in merito al tema. Il governo avrebbe concluso l’accordo con una commissione di civili a Barzeh.

Le Nazioni Unite hanno criticato sia l’uso di tattiche d’assedio che precedono negoziati di questo tipo, sia l’evacuazione stessa.

Negli ultimi mesi, la zona di Barzeh è stata colpita da intensi combattimenti. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus