Me

Cosa sta succedendo agli omosessuali in Cecenia

Torturati in campi-lager, ora gli omosessuali ceceni rischiano di essere uccisi dalle loro famiglie. Gli esperti dell'Onu chiedono al paese di interrompere le operazioni

Immagine di copertina

Dopo l’inchiesta del quotidiano russo Novaya Gazeta, si moltiplicano le testimonianze degli uomini ceceni che raccontano di essere stati rinchiusi dalle forze dell’ordine in strutture di detenzione informali e sottoposti a torture di diversi tipi. Come Adam, che appena un mese fa è stato sottoposto a potenti scariche elettriche con fascette metalliche legate alle dita delle mani e dei piedi. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Adam racconta che alcuni uomini lo hanno picchiato con bastoni di legno o sbarre di metallo, urlandogli insulti per il fatto di essere gay e chiedendogli i nomi di altri omosessuali in Cecenia. “A volte cercavano di ottenere informazioni da me. Altre si stavano solo divertendo”, ha detto a The Guardian.

I giornalisti della Novaya Gazeta dicono di avere prove inconfutabili che almeno tre uomini gay sono stati uccisi da quando le operazioni sono iniziate, ma aggiungono che il bilancio finale delle vittime potrebbe essere molto più alto.

Giovedì 13 aprile 2017 un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha chiesto alla Cecenia di interrompere le operazioni di rapimento, detenzione, violenza e uccisione di uomini gay e bisessuali dopo che secondo alcuni rapporti centinaia di persone della comunità Lgbt sono state rinchiuse in “campi di concentramento” per omosessuali.

“Si tratta di atti di persecuzione e di violenza su una scala senza precedenti nella regione, che costituiscono gravi violazioni degli obblighi della Federazione russa ai diritti umani”, hanno detto i cinque esperti che ha riferito al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Gli esperti hanno sottolineato che la maggior parte degli abusi ha avuto luogo in un centro di detenzione non ufficiale nei pressi di Argun, una città a est di Grozny, la capitale della repubblica della Federazione russa.

“Gli uomini arrestati sono stati sottoposti ad abusi fisici e verbali, tra cui la tortura con scosse elettriche, percosse, insulti e umiliazioni”, hanno scritto gli esperti. “Sono stati costretti a fornire informazioni su altre persone gay con la minaccia di rivelare il loro orientamento sessuale alla famiglia e alla comunità”.

Una mossa che li avrebbe messi a rischio di subire una forma di “delitto d’onore” dal momento che la società cecena è conservatrice e omofoba e l’omosessualità è vista come un elemento di vergogna per la famiglia.

Alcuni rapporti non confermati sostengono addirittura che alle famiglie cecene sia stato ordinato di uccidere i loro parenti gay dopo che questi sono stati liberati dalle prigioni.

Igor Kochetkov, un attivista russo per i diritti degli omosessuali, ha contribuito a organizzare un centro d’emergenza che le persone omosessuali in Cecenia possono raggiungere in modo sicuro per essere aiutate a scappare. Molti si stanno nascondendo sia dalle loro famiglie sia dalle autorità. Kochetkov ha detto che “decine” di persone si sono già messe in contatto per chiedere aiuto.

“Stiamo parlando della persecuzione di massa delle persone gay, con centinaia di persone rapite da parte delle autorità”, sostiene Kochetkov. “Questo è senza precedenti non solo in Russia, ma nella storia recente del mondo. Non c’è dubbio che si tratti di crimini contro l’umanità”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata