Me

Per Russia e Iran il lancio dei missili statunitensi in Siria ha oltrepassato la linea rossa

“Da ora risponderemo con la forza a ogni eventuale nuova aggressione”, hanno fatto sapere gli alleati del presidente siriano Assad

Immagine di copertina

Un commando formato dalle forze russe, iraniane e dai militanti che supportano il presidente siriano Bashar al-Assad ha dichiarato domenica 9 aprile che il lancio di missili statunitense contro una base siriana avvenuto venerdì 7 aprile ha oltrepassato “la linea rossa” e ha avvertito che risponderà a ogni eventuale nuova aggressione.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Gli Stati Uniti hanno lanciato venerdì 7 aprile 59 missili contro una base militare siriana dopo l’attacco con armi chimiche avvenuto nella provincia di Idlib. 

“Ciò che hanno fatto gli Stati Uniti è un’aggressione che oltrepassa la linea rossa. Da ora risponderemo con la forza a ogni aggressione”, recita la dichiarazione congiunta pubblicata dall’organo di stampa Ilam al Harbi.

Il presidente russo Vladimir Putin e quello iraniano Hassan Rouhani hanno parlato telefonicamente sottolineando che l’azione aggressiva degli Stati Uniti contro la Siria non è ammissibile e viola le leggi internazionali, secondo quanto riferito dal Cremlino.

I due leader hanno inoltre chiesto un’indagine obiettiva sul presunto attacco con armi chimiche che ha colpito la provincia di Idlib e si sono detti pronti a una più forte cooperazione per contrastare il terrorismo. 

Il leader supremo dell’Iran Ali Khamenei ha dichiarato che i missili statunitensi sono stati “un errore strategico e la ripetizione di errori già commessi in passato”, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Irna

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata