Me

Fuga di notizie dalla Casa Bianca, Trump accusa Obama

Il presidente degli Stati Uniti ha attribuito all'organizzazione del suo predecessore anche la responsabilità per le proteste contro il partito repubblicano

Immagine di copertina

Il presidente Donald Trump accusa il suo predecessore Barack Obama di essere responsabile delle fughe di notizie durante la sua amministrazione e delle proteste di piazza contro i repubblicani del mese di gennaio 2017. 

**Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.**

“Sembra che la sua organizzazione abbia progettato le proteste contro i Repubblicani che stiamo vedendo nel paese”, ha detto il presidente degli Stati Uniti durante un’intervista sul canale Fox News. “Obama è dietro questi movimenti”.  

Trump ha commentato la fuga di notizie che la sua amministrazione ha dovuto affrontare appena dopo il suo insediamento. “Penso che il presidente Obama stia dietro questa vicenda perché i suoi collaboratori sono coinvolti”, ha detto il presidente degli Stati Uniti. “Alcune delle rivelazioni sono venute da questo gruppo e sono molto gravi dal punto di vista della sicurezza nazionale. Capisco anche che si tratta di una questione politica e probabilmente continuerà”.

Nello specifico, Trump ha accusato i collaboratori di Obama di aver reso note le sue telefonate con i leader messicano e australiano, ma non ha fornito prove a sostegno delle sue affermazioni.

In realtà, Organizing for action, il gruppo che ha gestito la campagna di Obama, si è effettivamente dedicato alla preparazione delle proteste contro i temi principali del partito repubblicano americano. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**