Me

Il numero due di al-Qaeda ucciso in Siria da un drone statunitense

Abu Khayr al-Masri, considerato il vice di Al-Zawahiri, sarebbe stato colpito vicino a Idlib. La notizia, diffusa da siti jihadisti, non è stata confermata dal Pentagono

Immagine di copertina

Uno dei leader più importanti di al-Qaeda, Abu Khayr al-Masri, è stato ucciso da un drone statunitense vicino a Idlib, nel nord-ovest della Siria. A riferirlo il 27 febbraio sono stati gli stessi miliziani jihadisti, che hanno pubblicato sul web le foto dell’auto sul quale viaggiava l’uomo, completamente distrutta da un missile. La notizia dell’attacco è stata diffusa anche dal Pentagono, che non ha tuttavia confermato la morte di al-Masri.

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

Nel 2005 l’intelligence statunitense ha identificato al-Masri come il numero di numero due di al-Qaeda e possibile erede del leader supremo Ayman Al-Zawahiri. Nel 2015, dopo essere fuggito dall’Afghanistan e aver scontato 12 anni di carcere in Iran, al-Masri era andato in Siria per riunire e guidare i vari gruppi legati all’organizzazione terroristica creata da Bin Laden, presenti sul territorio, e in difficoltà a causa dell’avanzata dell’Isis.

Il jihadista 59enne, secondo gli 007 americani, è coinvolto negli attentati del 1998 contro due ambasciate americane in Tanzania e Kenya, in cui morirono più di 200 persone, in gran parte civili.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**