Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il parlamento europeo approva l’accordo commerciale con il Canada

Via libera al Ceta, che abbatte barriere e dazi doganali. Per il Commissario Ue ci saranno vantaggi per tutte le piccole e medie imprese

Immagine di copertina

Con 408 voti favorevoli, 254 contrari e 33 astensioni il parlamento Ue ha approvato il 15 febbraio il Ceta, “Comprehensive Economic and Trade Agreement”, l’accordo commerciale tra Unione europea e Canada.

L’intesa prevede l’eliminazione di una serie di barriere tra le due parti. In sostanza, consiste nell’eliminazione del 98 per cento delle barriere e dei dazi doganali esistenti negli scambi commerciali tra Ue e Canada, la liberalizzazione del mercato dei servizi tra le due sponde dell’Atlantico, e la concessione dell’accesso agli appalti pubblici canadesi alle imprese europee, sia a livello federale che delle amministrazioni locali.

Il via libera di Strasburgo era decisivo per concludere favorevolmente i negoziati, cominciati nel 2009. “Questo è un accordo che riguarda anche i nostri valori”, ha affermato la Commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstrom durante la sessione plenaria. “Il Canada è un paese democratico che condivide gran parte dei nostri valori, ha un settore pubblico forte ed è impegnato con noi per lavorare per modellare la globalizzazione”, ha sottolienato la Commissaria al commermcio.

Nel suo discorso, Malmstrom ha voluto sottolineare i benefici per le piccole e medie imprese europee, soprattutto del settore tessile e calzaturiero, e ha promesso a breve delle misure di tutela per il settore bovino, sottolineando la trasparenza assicurata dal metodo negoziale adottato con il Canada.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**