Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Cosa significa essere un rifugiato

Un video di animazione, di Benedetta Berti ed Evelien Bergman spiega che cosa significa abbandonare la propria terra e la propria vita a causa di guerre e persecuzioni

Immagine di copertina

Cosa significa essere un rifugiato? I rifugiati sono persone sfollate interiormente, non semplicemente dalle loro case. Persone che non sanno a che luogo appartengono, alle loro spalle lasciano la guerra e davanti hanno un futuro dolorosamente incerto. Nel mondo circa 60mila persone sono state obbligate a lasciare le loro case a causa di terribili guerre – alcuni sono rimasti nel loro Paese, altri hanno trovato la forza e i mezzi per fuggire – in cerca di un futuro migliore per loro stessi e le loro famiglie. Tanti sono i dispersi e le tragiche separazioni, ma restare, per la maggior parte delle volte, equivale a terribili persecuzioni o alla morte. 

La moderna definizione di “rifugiato” fu coniata dalle Nazioni Unite, nel 1951, in seguito alla fine della secondo guerra mondiale. Questo video di Ted-Ed, di Benedetta Berti ed Evelien Bergman, spiega che cosa significa mettere la propria vita nelle mani dei trafficanti, per intraprendere viaggi lunghi e faticosi, nella speranza di ritrovare la propria famiglia.