Me

In Turchia sono stati arrestati alcuni giornalisti del quotidiano di opposizione Cumhuriyet

Motivo dell'arresto è il presunto legame del giornale Cumhuriyet con organizzazioni terroristiche e con il predicatore in esilio negli Stati Uniti, Fethullah Gülen

Immagine di copertina

Una decina di giornalisti del quotidiano di opposizione turco Cumhuriyet sono stati arrestati ieri, 31 ottobre 2016. Secondo le opposizioni si tratta dell’ennesima mossa di pressione sui dissidenti da parte del governo turco. I due principali partiti di opposizione hanno fermamente condannato l’arresto. 

Motivo dell’arresto è il presunto legame del giornale con organizzazioni terroristiche e con il predicatore in esilio negli Stati Uniti, Fethullah Gülen, accusato di aver organizzato il colpo di stato del 15 luglio. 

Il leader del Partito repubblicano del popolo, Kemal Kılıçdaroğlu, si è recato in visita alla redazione di Cumhuriyet per esprimere sostegno e solidarietà.

“Lotteremo contro tutto questo”, ha detto Kılıçdaroğlu durante la visita, accusando inoltre il governo di aver trasformato il tentativo di colpo di stato del 15 luglio in un’occasione per reprimere intellettuali, scrittori e giornalisti. 

“Stanno cercando di cambiare l’ordine costituzionale attraverso lo stato di emergenza. Una grande responsabilità è sulle spalle della Corte costituzionale”, ha detto Kılıçdaroğlu.

Descrivendo Cumhuriyet come uno dei giornali più importanti della Turchia, ha poi invitato tutti gli intellettuali, giornalisti, scrittori alla difesa dei giornali contro gli oppressori.

La polizia, oltre al capo redattore Murat Sabuncu, ha arrestato anche Aydın Engin, Hikmet Cetinkaya, Güray oz, Hakan Kara, e il fumettista Musa Kart, e ha fatto irruzione nelle case dell’editore Akın Atalay e dell’editorialista Kadri Gürsel.

Anche Selahattin Demirtaş, co-leader del filo-curdo Partito democratico del popolo, ha criticato la detenzione dei giornalisti di Cumhuriyet. 

“Non vi è alcun processo equo. Se ci fosse, i nostri amici sarebbero stati assolti. Ma questa è un’operazione politica. L’operazione contro il quotidiano Cumhuriyet è parte di questa pressione”, ha detto Demirtaş.

Una folla si è radunata fuori dell’ufficio Cumhuriyet nel quartiere Sisli di Istanbul per protestare contro gli arresti. 

“La Repubblica di Turchia sta attraversando una svolta storica dal 15 luglio 2016. Si assiste all’abolizione di tutti i valori universali tra cui il diritto alla vita e i diritti sociali. Le indicazioni più esplicite di questo sono la crescente pressione contro la stampa turca e le politiche messe in atto per distruggerla”, ha dichiarato la Journalists Association. “Questo è il processo di distruzione del libero pensiero”, ha aggiunto. 

L’anno scorso lo stesso quotidiano, diretto da Can Dundar, aveva subito una repressione simile, con decine di altri arresti.