Me

La serratura per biciclette che provoca vomito quando viene tagliata

Un gruppo di inventori di San Francisco sta raccogliendo fondi per realizzare una catena per bici in grado di dissuadere i malviventi attraverso uno spray nocivo

Immagine di copertina

Soprattutto nelle grandi città, il possesso di una
bicicletta vuole dire essere preparati all’eventualità che il mezzo di
trasporto in questione venga prima o poi improvvisamente a mancare, nel senso
che i furti di veicoli a pedali sono frequentissimi.

D’altronde già nel 1948 Vittorio De Sica realizzava Ladri di biciclette sul tema, e da
allora la situazione non è molto cambiata: ogni giorno in tutto il mondo
qualche malintenzionato trova una nuova maniera per sottrarre un veicolo
lasciato incustodito, spesso riuscendo a espugnare anche le catene e serrature
più resistenti.

Ora però un gruppo di inventori di San Francisco potrebbe
mettere fine a quest’abitudine grazie a un progetto al momento in fase diraccolta fondi su Internet: SkunkLock, una catena per biciclette in grado di
dissuadere i malviventi attraverso uno spray nocivo che induce al vomito
immediato.

Daniel Idzkowski, il principale inventore dell’oggetto, dice
di aver subito ogni genere di furti nella sua città, San Francisco, ed ha per
questo cercato di sviluppare un’idea che potesse “vendicare” tutti quelli che
come lui sono stati vittima dei ladri di biciclette.

(L’articolo prosegue dopo l’immagine)


Nello studiare il problema, si è reso conto che la soluzione
non andava cercata in una serratura più resistente, visto che anche le più
costose possono essere tagliate nel giro di qualche decina di secondi, e ha
quindi pensato di combattere il furto con alcuni gas sotto pressione contenuti
nella fibra della catena, che fuoriescono nel momento in cui il 30 per cento
dell’oggetto viene tagliato.

Il risultato? “Si tratta di sintomi simili a quelli dello
spray al pepe: induce più o meno immediatamente vomito e difficoltà alla respirazione”,
e nonostante gli effetti, ha superato i test di conformità ed è quindi legale.

Riguardo alle possibili vie da parte dei ladri di evitare il
danno, dice: “Potrebbero cambiarsi i vestiti, fare una doccia, e se la bici
è ancora lì tornare a tagliare il restante 70 per cento della serratura. Non si
può impedire un furto al 100 per cento”. Ma sicuramente la sorpresa potrebbe
spingere molti malintenzionati a evitare di tornare sul posto.

SkunkLock è al momento in cerca di fondi sulla piattaformaIndiegogo, e promette di essere disponibile per giugno 2017.

Qui un video di presentazione del funzionamento dell’oggetto: