Me

In Francia le persone transgender potranno cambiare sesso senza sottoporsi a chirurgia

Il parlamento francese ha deciso che l’identità sessuale è slegata dalla necessità di operazione chirurgica. Leggi simili esistono in Danimarca, Malta, Irlanda e Norvegia

Immagine di copertina

Gli attivisti della comunità Lgbt hanno accolto con favore la nuova legge francese che consente ai transgender di cambiare status giuridico senza sottoporsi alla sterilizzazione forzata, ovvero a un’operazione chirurgica.

Sarà dunque possibile veder riconosciuta la propria scelta di cambiare sesso senza doversi sottoporre a un intervento chirurgico di adeguamento degli organi riproduttivi. Il provvedimento del parlamento prevede dunque che l’identità sessuale venga considerata separatamente rispetto all’operazione chirurgica. 

“È un’evidente dimostrazione di progresso avere un altro paese europeo dove viene resa superflua la pratica chirurgica per determinare il sesso di una persona”, ha detto Evelyne Paradis, direttrice esecutiva del gruppo per i diritti gay Ilga Europe

Paradis ha aggiunto di essere tuttavia rammaricata dal fatto che le persone transgender in Francia dovranno comunque ancora rivolgersi a un tribunale per vedere riconosciuto il proprio cambiamento di genere.

Danimarca, Malta, Irlanda e Norvegia avevano già abolito il requisito dell’operazione chirurgica per il cambio di sesso. In questi paesi, inoltre, il riconoscimento da parte della legge del nuovo genere della persona si basa sul principio di autodeterminazione, che non necessita di accertamenti medici o giuridici.

Tale principio è stato sostenuto anche dal Consiglio d’Europa in una risoluzione contro la discriminazione. L’istituzione sostiene che i transgender subiscono spesso discriminazioni in Europa, nei luoghi di lavoro, nelle abitazioni, nei luoghi destinati ai servizi sanitari, e ancora sotto forma di bullismo e di odio. 

Gli attivisti stimano che ci sono decine di migliaia di persone transgender in Francia, ma non ci sono dati ufficiali.

Stephanie Nicot, direttrice della Federazione Lgbt francese, ha criticato il fatto che le persone transgender dovranno ancora recarsi in tribunale per il riconoscimento: “Non siamo colpevoli, e i giudici hanno cose più importanti da fare”, ha detto in un articolo apparso sul quotidiano francese Le Figaro

Anche il Regno Unito, la Spagna e alcuni stati Usa non prevedono più il requisito della sterilizzazione per le persone transgender che vogliano cambiare il proprio sesso. 

— LEGGI ANCHE: DIECI MITI DA SFATARE SULLE PERSONE TRANSGENDER