Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il messaggio di solidarietà del sindaco di Londra agli europei

Sadiq Khan commenta i risultati di Brexit e si rivolge ai cittadini dell’Unione europea residenti nella capitale ringraziandoli per il loro contributo

Immagine di copertina

Nel giorno in cui il suo predecessore Boris Johnson, fra i maggiori esponenti del fronte muove i primi passi verso il numero 10 di Downing Street, dopo l’annuncio delle dimissioni del premier David Cameron, il neo-eletto sindaco di Londra Sadiq Khan, invia un messaggio di sostegno all’Unione, in particolare ai cittadini europei che risiedono a Londra.

Con un post sulla sua pagina Facebook, Khan ha dichiarato: “ Voglio mandare un chiaro messaggio ad ogni europeo residente o che vive a Londra. Come città, siamo estremamente grati per il vostro contributo e ciò non cambierà con i risultati di questo referendum”

“Ci sono circa un milione di cittadini europei che vive a Londra oggi, e portano grandissimi vantaggi alla nostra città – lavorando sodo, pagando le tasse, lavorando nei nostri servizi pubblici e contribuendo alla nostra vita civica e culturale”. 

“L’area metropolitana di Londra è stata una delle poche regioni dell’Inghilterra in cui il Remain ha dominato: gli euroscettici si sono attestati al 40.1 per cento della popolazione, mentre coloro a favore della permanenza nell’Unione al 59.9 per cento”. 

La capitale è, come prevedibile, una delle zone più a favore dell’integrazione con gli altri stati continentali: non solo vi risiedono un gran numero di europei, ma anche il complesso finanziario della City, le cui banche e compagnie si sono sempre schierate per la stabilità economica garantita dal fronte del Remain

Il sindaco ha anche commentato i disaccordi all’interno del Regno Unito rivelate dallo spoglio dei risultati: “Abbiamo ora tutti la responsabilità di cercare di risanare le divisioni emerse in questa campagna elettorale, e di concentrarci su ciò che ci unisce, piuttosto che su ciò che ci divide”.