Me
Un giaguaro scelto come mascotte olimpica in Brasile è stato ucciso dopo essere fuggito
Condividi su:

Un giaguaro scelto come mascotte olimpica in Brasile è stato ucciso dopo essere fuggito

Il felino è riuscito a scappare durante il trasferimento da una gabbia all'altra. L'animale ha tentato di aggredire un uomo ed è stato abbattuto

22 Giu. 2016

Lunedì 20 giugno, un esemplare di giaguaro dell’Amazzonia è stato ucciso dopo essere fuggito via nel corso della cerimonia di passaggio della torcia olimpica, nella città di Manaus, in Brasile. L’animale era stato scelto come mascotte dell’evento. 

Juma, questo il nome del felino, era stato esibito nel corso della solenne cerimonia e per motivi di sicurezza era stato legato con delle catene. Ma qualcosa non è andato per il verso giusto, e l’animale è riuscito a liberarsi e a scappare. “Durante il passaggio da una gabbia all’altra nello zoo dell’esercito, il giaguaro è riuscito a fuggire”, ha spiegato il colonnello Luiz Gustavo Evelyn del Centro d’istruzione di guerra nella giungla (Gigs) di Manaus.

Per fermare la sua fuga, un medico veterinario ha tentato di sparare quattro dosi di tranquillante senza successo, e nel momento in cui il felino spaventato ha tentato di assalire un uomo è stato ucciso con un’arma da fuoco. 

Gli organizzatori dei Giochi Olimpici di Rio attraverso un comunicato stampa si sono dissociati da quanto successo, reputando un errore la decisione di esporre un animale selvatico incatenato in quel modo e sottoponendolo a un forte stress. 

Un professore dell’Università di Brasilia specializzato nello studio del comportamento animale ha spiegato alla BBC come con ogni probabilità l’animale è fuggito via a causa del forte stress avvertito in un ambiente non consono. “Non è sano né consigliabile sottoporre un animale a una situazione del genere, dove regna la confusione”. 

“Spesso i giaguari quando vivono in cattività sentono addosso il peso di quella condizione, che viene poi aggravata quando sono esposti in ambienti dove c’è confusione”. 

Immediata la reazione dei gruppi in difesa dei diritti degli animali che hanno condannato l’uccisione, accendendo la discussione e la polemica sul perché si fosse deciso di esporre un animale selvatico a una manifestazione olimpica. “Quando impareremo? Gli animali selvatici tenuti prigionieri e costretti a fare cose che provocano loro paura o che può arrecare dolore è del tutto innaturale”, ha scritto la Peta in un comunicato stampa. 

Il giaguaro era cresciuto all’interno di uno zoo collegato al campo di addestramento militare dislocato nella foresta amazzonica. Salvato nella giungla quando era un cucciolo dopo la morte della madre, Juma aveva vissuto la sua intera esistenza dentro il campo. 

I giaguari sequestrati ai bracconieri a volte vengono tenuti come mascotte dei battaglioni ed esibiti alle parate militari. Secondo l’Istituto di protezione ambientale dello stato di Amazzonia (Ipaam), l‘uso di Juma era illegale. “Nessuna richiesta è stata fatta per autorizzare la partecipazione del giaguaro alla cerimonia”, ha dichiarato Ipaam in un comunicato citato dall’agenzia Reuters. 

Il giaguaro si annovera nella categoria degli animali in via di estinzione. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus