Me
Un incendio in un tempio indiano ha ucciso almeno 105 persone
Condividi su:

Un incendio in un tempio indiano ha ucciso almeno 105 persone

La tragedia è stata causata dall'esplosione di alcuni fuochi d'artificio

10 Apr. 2016

Un incendio scoppiato a causa di alcune esplosioni di materiale pirotecnici in un tempio indù nella città di Paravur, nello stato meridionale del Kerala in India, ha ucciso almeno 105 persone. Oltre 350 i feriti.

L’incidente è avvenuto alle tre del mattino di domenica 10 aprile. In quel momento circa 15mila persone si erano radunate per assistere a uno spettacolo di fuochi d’artificio per festeggiare il nuovo anno indù.

La maggior parte delle vittime sono state causate dal crollo di un tempio dopo lo scoppio dell’incendio che ha intrappolato i fedeli all’interno.

Pompieri, polizia e altre squadre di soccorso hanno lavorato tutta la notte per recuperare i corpi tra le macerie e domare le fiamme. Medici sono stati inviati dalla capitale New Delhi per curare i feriti dalle ustioni.

Con l’arrivo della mattina, centinaia di persone sono arrivate nella zona della tragedia per cercare parenti e amici. Molte delle vittime dovranno essere identificate con il test del Dna

“La situazione adesso è sotto controllo”, ha comunicato il ministro dell’interno dello Stato, Ramesh Chennithala. Il primo ministro Nerendra Modi è arrivato nella città della strage e ha annunciato l’assegnazione di 200mila rupie (2.900 euro) a ogni famiglia che ha avuto una persona deceduta e di 50mila rupie (1.300 euro) per quelle dei feriti.

Intanto è scoppiata la polemica perché l’Alta Corte del Kerala aveva vietato lo spettacolo pirotecnico durante la cerimonia.

Il governo ha annunciato un’inchiesta e misure nei confronti delle autorità religiose e gli amministratori del tempio che non hanno rispettato il divieto.

Una fonte della polizia ha spiegato che le esplosioni sono avvenute prima dello spettacolo, probabilmente a causa di una scintilla che ha dato fuoco a una batteria di botti che erano stati depositati nel tempio.

Le tv locali hanno mostrato immagini di alte colonne di fumo che si alzavano dal complesso e di fuochi artificiali che continuavano a scoppiare.

“Era il caos più completo, le persone urlavano e nell’oscurità non riuscivano a trovare la via per uscire dal tempio.

Una delle vittime è un fedele ucciso da un pezzo di cemento volato a un chilometro di distanza dal luogo dell’esplosione.

La tragedia è avvenuta nella giornata conclusiva della festa di sette giorni in onore della dea Bhadrakali, una incarnazione della dea Kali venerata nel sud dell’India.

Tra pochi giorni nel Kerala si voterà per l’elezione del parlamento, ma i partiti politici hanno annunciato di interrompere la campagna elettorale in segno di rispetto per le vittime.

La provincia del Kerala occupa una striscia della costa sud occidentale del paese. È lo stato indiano con il tasso di alfabetizzazione più elevato, oltre il 90 per cento della popolazione.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus