Me
Una delle bombe all’aeroporto di Bruxelles era probabilmente in un bagaglio
Condividi su:

Una delle bombe all’aeroporto di Bruxelles era probabilmente in un bagaglio

La testimonianza di un impiegato è supportata dal fatto che alcune delle vittime e dei feriti sono stati colpiti gravemente alle gambe

22 Mar. 2016

Le gambe di alcune delle vittime delle esplosioni all’aeroporto di Bruxelles di martedì 22 marzo 2016 erano fatte a pezzi, come se a esplodere fosse stato un bagaglio vicino. A ipotizzarlo un impiegato dell’aeroporto che ha aiutato a trasportare fuori i loro corpi.

Alphonse Youla, 40 anni, che lavora all’aeroporto Zaventem alla sicurezza bagagli ha detto che prima dell’esplosione ha sentito un uomo gridare qualcosa in arabo.

“Poi il soffitto dell’aeroporto è crollato. Ho aiutato a trasportare cinque corpi, le loro gambe maciullate, come se la bomba fosse dentro un bagaglio” ha dichiarato l’uomo ai giornalisti. Aveva le mani sporche di sangue, “è delle persone che ho trasportato fuori”.

Il canale pubblico VRT ha detto che 81 persone sono rimaste ferite all’aeroporto, molte delle quali proprio alle gambe, cosa che suggerirebbe che la bomba fosse in una borsa sul pavimento.

Il procuratore federale ha dichiarato durante una conferenza stampa che una delle due esplosioni molto probabilmente è stata innescata da un attentatore suicida.

Almeno 13 persone sono rimaste uccise nell’esplosione, prima che un’altra colpisse la metropolitana proprio durante l’ora di punta, uccidendo almeno 15 persone.

Centinaia di passeggeri illesi hanno lasciato l’aeroporto da un’uscita laterale, molti di loro in lacrime, alcuni con delle coperte addosso. Molti sono stati evacuati con un pullman.

Un passeggero, Paolo Saraca Volpini, ha detto che uno speaker dell’aeroporto ha lanciato un comunicato con la voce rotta dall’emozione e ha detto in varie lingue “ci aspettiamo un attacco”, chiedendo alle persone nei Terminal A e B di rimanere dove si trovavano.

Un passeggero, che aveva già passato i controlli di sicurezza quando è esplosa la bomba, ha detto che dopo le esplosioni i passeggeri già all’interno dell’aeroporto sono stati presi dal panico e hanno iniziato a correre in cerca di un riparo.

“La gente ha cercato riparo nei negozi e dove poteva. Siamo riusciti a salire sull’aereo ma non è decollato. Poi siamo stati scortati sui pullman per lasciare l’aeroporto”, ha detto Sylwia Czerska che si stava recando a Ginevra.

Testimoni hanno detto che la prima esplosione è avvenuta vicino alla banca Belfius, prossima agli ascensori nell’ala di sinistra delle partenze. La seconda era più potente e più vicina al caffè Starbucks che si trova nella parte centrale dell’edificio.

Samir Derrouich, che lavora per il ristorante Autogrill all’aeroporto, ha detto che le esplosioni sono state quasi simultanee. “È stata un’apocalisse”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus