Me
Un gruppo di attivisti vuole cambiare il logo della disabilità
Condividi su:

Un gruppo di attivisti vuole cambiare il logo della disabilità

Lo stato del Connecticut sta valutando la possibilità di adottarlo ufficialmente dal 2017

26 Feb. 2016

A partire dagli anni Novanta diverse persone hanno cercato di ridisegnare il simbolo internazionale che rappresenta la disabilità, ovvero la sagoma di un essere umano su una sedia a rotelle. Nel 2016, il governatore dello stato americano del Connecticut ha proposto di introdurre a partire dal gennaio del 2016, un nuovo logo per designare i parcheggi riservati ai portatori di handicap.

Il nuovo logo rappresenta sempre una sagoma umana su una sedia a rotelle, ma che invece di essere statico è rappresentato in movimento. La proposta è arrivata da un gruppo di attivisti che hanno lanciato la campagna Change the sign. Change the attitude volta a cambiare – attraverso un cambio del simbolo – l’approccio verso la disabilità.

Questo logo diverso nasce nel 2010, quando il gruppo Accessible icon project lanciò una campagna di guerrilla marketing che portò alla diffusione del nuovo simbolo che, in segno di protesta, fu posto sopra ai cartelli recanti il logo tradizionale della disabilità.

Il simbolo dell’uomo in sedia a rotelle in movimento attirò su di sé una notevole attenzione mediatica negli Stati Uniti, a tal punto che il MoMA di New York lo ha acquistato per inserirlo nella propria collezione.

L’attuale simbolo che contraddistingue i servizi accessibili ai disabili risale al 1969, quando venne realizzato da una designer danese. Nel 2014 lo stato di New York era in procinto di adottare il nuovo logo dinamico, ma tuttavia alla fine decise di rinunciarvi per evitare confusione con quello precedente.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus