Me
Gli Emirati Arabi Uniti annunciano la creazione di un ministero per la Felicità
Condividi su:

Gli Emirati Arabi Uniti annunciano la creazione di un ministero per la Felicità

Il primo ministro emiratino ha annunciato per il nuovo governo la creazione del ministero per la Felicità e di quello per la Tolleranza

09 Feb. 2016

Il primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Mohammed bin Rashid al-Maktoum – che è anche l’emiro di Dubai – ha annunciato la creazione di un ministero per la Felicità, lunedì 8 febbraio 2016.

L’annuncio è stato dato nell’ambito del quarto vertice governativo mondiale, in corso dall’8 al 10 febbraio a Dubai, incentrato sul tema “Dare forma ai governi del futuro”.

Il nuovo ministero, che si occuperà di “creare il bene e la soddisfazione sociale”, è stato istituito nel quadro di un rimpasto di governo che prevede anche la fusione di alcuni ministeri e l’appalto della gran parte dei servizi governativi.

“I governi devono essere flessibili. Non abbiamo bisogno di più ministeri ma di più ministri in grado di affrontare il cambiamento”, ha dichiarato lo sceicco Mohammed, “vogliamo un governo giovane e flessibile che realizzi le aspirazioni dei nostri giovani e soddisfi le ambizioni della nostra gente”.

In una serie di tweet, lo sceicco Mohammed ha anche annunciato la creazione di un Consiglio nazionale della gioventù di cui faranno parte giovani uomini e donne e che si occuperà di consigliare il governo sulle questioni relative ai giovani.

Esso sarà guidato da un ministro donna di 22 anni, ha reso noto lo sceicco senza fornire ulteriori dettagli. “L’energia della gioventù alimenterà il nostro governo in futuro”, ha dichiarato nello stesso tweet.

Una terza novità è la creazione di un ministero per la Tolleranza che si occuperà di promuovere la tolleranza “come valore fondamentale nella società degli Emirati Arabi Uniti”.

Infine, verrà creato un ulteriore organo consultivo, il Consiglio scientifico, che includerà ricercatori e personalità del mondo accademico.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus