Me

L’opposizione siriana partecipa ai colloqui di pace a Ginevra

I rappresentanti dell'opposizione chiedono il cessate il fuoco e l'invio di convogli umanitari

Immagine di copertina

Una delegazione che rappresenta il principale gruppo di opposizione in Siria prenderà parte sabato 30 gennaio ai colloqui di pace iniziati a Ginevra venerdì 29 gennaio. Lo ha reso noto un rappresentante del gruppo di opposizione citato dall’agenzia Reuters.

Il team di diciassette delegati attesi nelle prossime ore presso la sede delle Nazioni Unite a Ginevra include il capo dell’Alto comitato per i negoziati, Riad Hijab, e il capo della delegazione d’opposizione siriana che guiderà il team di negoziatori, Asaad al-Zoubi. 

“Stiamo andando a Ginevra per mettere alla prova la serietà della comunità internazionale e le sue promesse al popolo siriano, inoltre vogliamo testare la serietà del regime e il suo adempimento agli obblighi umanitari. Vogliamo mostrare al mondo il nostro impegno nell’iter negoziale al fine di trovare una soluzione politica” ha precisato un delegato dell’opposizione. 

I rappresentanti dell’opposizione siriana chiedono il cessato il fuoco e l’invio di convogli umanitari in tutte le aree assediate dai ribelli, dove migliaia di siriani vivono in condizioni terribili. 

“Non chiediamo miracoli, né una completa cessazione delle ostilità, ma chiediamo la fine dei bombardamenti indiscriminati di mercati, di ospedali, di scuole da parte del regime e dei suoi alleati” ha precisato il rappresentante dell’opposizione a Reuters. 

Russia e Siria hanno ripetutamente negato di aver preso di mira i civili, evitando di bombardare aree residenziali. 

—Leggi anche: L’opposizione siriana si era rifiutata inizialmente di prendere parte ai negoziati di Ginevra