Me

Hermione Granger sarà interpretata a teatro da un’attrice nera

L'autrice della saga J.K. Rowling ha chiarito su Twitter che in nessun libro veniva specificato il colore della pelle della protagonista femminile

Immagine di copertina

Tuttò cominciò nel 1997, quando l’allora sconosciuta J.K. Rowling, aspirante scrittrice britannica, diede alle stampe la prima edizione di un libro per ragazzi che avrebbe conosciuto una grandissia fortuna negli anni seguenti. Il titolo era Harry Potter e la pietra filosofale e, sette libri e otto film dopo, i suoi protagonisti sono ormai entrati stabilmente nell’immaginario collettivo.

Tra i tanti personaggi di fantasia che hanno popolato il mondo della Rowling da allora, è evidente che i più noti e più cari ai lettori siano i tre giovani maghi protagonisti: Harry Potter, Ron Weasley e, non da ultima, Hermione Granger.

La rappresentante femminile del trio, nota per essere un’ottima studentessa e una fedele amica del mago occhialuto, è sempre stata molto amata dal pubblico della saga letteraria e a partire dalla prima trasposizione cinematografica ha conquistato nuovi fan grazie all’interpretazione di Emma Watson, ormai eternamente associata al ruolo.

È forse proprio per questa identificazione così forte con un volto noto che non sono state poche le polemiche o almeno il clamore in rete, quando il 21 dicembre è stato annunciato che, per l’allestimento teatrale londinese di Harry Potter and the Cursed Child Harry Potter e il bambino maledetto – scritto dal drammaturgo inglese Jack Thorne insieme alla stessa J.K. Rowling, il ruolo di Hermione verrà interpretato da Noma Dumezweni, attrice inglese di origine africana.

Il fatto che la protagonista sia nera non è l’unica anomalia rispetto al canone, vista l’età della Dumezweni (45 anni). La pièce teatrale, che debutterà nel luglio 2016, vedrà però rappresentate in scena le storie dei protagonisti diciannove anni dopo gli eventi narrati nell’ultimo episodio Harry Potter e i doni della morte, dunque i fan erano da questo punto di vista più preparati alla novità.

Molti, forse condizionati dal film o semplicemente abituati a considerare tutti i protagonisti della saga come caucasici, non hanno preso bene questo cambiamento, considerandolo uno stravolgimento troppo forte di un immaginario già ben radicato.

Altri, al contrario, hanno accolto con piacere la novità dando il benvenuto su Twitter all’attrice e ricordando che già molti fan in rete avevano immaginato con disegni e animazioni un’Hermione dalla pelle nera.

L’autrice J.K. Rowling, dal canto suo, ha risposto alla sorpresa dei lettori – in molti casi non priva di accenti razzisti – con un tweet di pieno sostegno alla scelta di casting: “Il canone prevede: occhi marroni, capelli crespi e molto intelligente. La pelle bianca non è mai stata specificata. Rowling ama l’Hermione nera”.   

— Leggi anche: l’ottavo episodio della saga di Harry Potter in uscita a teatro