Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

L’Onu chiede alla Giordania di ammettere 12mila rifugiati siriani

I rifugiati sono bloccati al confine fra Siria e Giordania e si trovano in condizioni umanitarie sempre peggiori

Immagine di copertina

Le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per i 12mila rifugiati siriani rimasti bloccati al confine tra Giordania e Siria. Le loro condizioni umanitarie sono in continuo peggioramento.

(Qui sotto: una mappa mostra il confine tra Siria e Giordania) 

“Le vite dei rifugiati saranno a rischio nei prossimi mesi”, ha dichiarato Melissa Fleming, portavoce dell’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr), durante un incontro a Ginevra, in Svizzera.

“Per questo oggi l’Alto commissariato per i rifugiati chiede al governo giordano di permettere l’ingresso nel paese ai rifugiati bloccati al confine”, ha continuato Fleming.

(Qui sotto: siriani in fuga da Ras al-Ain attraversano il filo spinato al confine con la Turchia, vicino alla città di Ceylanpinar. Credit: Reuters) 

— Leggi anche: VITA AI CONFINI Immagini recenti e d’archivio dei civili siriani fuggiti verso i Paesi limitrofi in più di due anni di guerra civile 

— Leggi anche: L’AIRBNB PER I RIFUGIATI Due ragazzi tedeschi hanno creato un sito per accogliere in casa i rifugiati e aiutarli a sostenere i costi della vita