Me

L’Onu chiede alla Giordania di ammettere 12mila rifugiati siriani

I rifugiati sono bloccati al confine fra Siria e Giordania e si trovano in condizioni umanitarie sempre peggiori

Immagine di copertina

Le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per i 12mila rifugiati siriani rimasti bloccati al confine tra Giordania e Siria. Le loro condizioni umanitarie sono in continuo peggioramento.

(Qui sotto: una mappa mostra il confine tra Siria e Giordania) 

“Le vite dei rifugiati saranno a rischio nei prossimi mesi”, ha dichiarato Melissa Fleming, portavoce dell’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr), durante un incontro a Ginevra, in Svizzera.

“Per questo oggi l’Alto commissariato per i rifugiati chiede al governo giordano di permettere l’ingresso nel paese ai rifugiati bloccati al confine”, ha continuato Fleming.

(Qui sotto: siriani in fuga da Ras al-Ain attraversano il filo spinato al confine con la Turchia, vicino alla città di Ceylanpinar. Credit: Reuters) 

— Leggi anche: VITA AI CONFINI Immagini recenti e d’archivio dei civili siriani fuggiti verso i Paesi limitrofi in più di due anni di guerra civile 

— Leggi anche: L’AIRBNB PER I RIFUGIATI Due ragazzi tedeschi hanno creato un sito per accogliere in casa i rifugiati e aiutarli a sostenere i costi della vita