Me

La Guardia costiera greca salva 242 migranti a largo di Lesbo

Nel naufragio di un'imbarcazione carica di migranti hanno perso la vita tre persone, di cui due bambini

Immagine di copertina

Mercoledì 28 ottobre la Guardia costiera greca ha soccorso 242 migranti in viaggio su un’imbarcazione in legno che si era capovolta a causa del vento forte al largo dell’isola di Lesbo. Tre persone di cui due bambini di quattro e un anno hanno perso la vita durante il naufragio. 

Nell’operazione di salvataggio sono intervenute un’imbarcazione della Guardia costiera che dopo aver lanciato l’allarme è stata raggiunta da un elicottero, un’altra nave greca e una appartenente a Frontex, l’agenzia di controllo dei confini dell’Unione europea.

Le ricerche sono continuate fino a tarda notte, nel tentativo di trovare altri superstiti.

Nonostante il peggioramento delle condizioni climatiche il Mar Egeo continua a essere un punto di passaggio per centinaia di migliaia di persone in fuga dalla guerra o in cerca di una vita migliore.

Solo durante la giornata di mercoledì, secondo quanto dichiarato dal Ministero dei trasporti greco sarebbero otto i migranti morti nel tentativo di attraversare il Mar Egeo partendo dalla Turchia, in un totale di quattro naufragi: due nei pressi di Lesbo e due al largo dell’isola di Samos. Sei degli otto morti erano bambini.