Me
Una bambina epilettica curerà la sua malattia con la cannabis
Condividi su:

Una bambina epilettica curerà la sua malattia con la cannabis

Un giudice messicano ha concesso l'utilizzo di un farmaco contenente cannabinoidi a una bambina di otto anni che soffre di una patologia rara

10 Set. 2015

Il ministero della salute messicano ha concesso l’utilizzo dell’Epidiolex – un farmaco contenente un principio attivo della cannabis – a una bambina di otto anni che soffre di una malattia rara.

Nonostante la cannabis e i suoi derivati siano proibiti dalla legge messicana, il farmaco – prodotto dalla casa farmaceutica britannica GW pharmaceuticals – è l’unico rimedio alle gravi crisi epilettiche di cui soffre la bambina, affetta da una rara patologia chiamata sindrome di Lennox-Gastaut.

Graciela è costretta a vivere su una sedia a rotelle e soffre di circa 400 attacchi epilettici al giorno.

“Era la nostra ultima speranza. Questo farmaco dovrebbe ridurre a zero le crisi epilettiche di nostra figlia,” ha dichiarato il padre di Graciela all’agenzia di stampa AFP.

Il via libera per l’importazione dell’Epidiolex è stato dato dal giudice Martin Santos, a seguito del fallimento di numerosi tentativi medici di risolvere il problema.

Il presidente messicano Enrique Pena Nieto si è però opposto duramente a qualsiasi tipo di legalizzazione della sostanza, presentando una petizione per invalidare la decisione del giudice Santos.

L’utilizzo per scopi terapeutici di farmaci contenenti cannabinoidi è oggi legale in almeno 9 Paesi del mondo e in 20 stati federali degli Stati Uniti d’America.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus