Me

5 uomini sono stati condannati a quasi 700 anni di carcere in Messico per l’uccisione di 11 donne

Lo stato di Chihuaua, in cui la condanna ha avuto luogo, comprende la città di Ciudad Juarez, dove nel 2008, in media, ogni giorno è scomparsa una donna

Immagine di copertina

Cinque uomini sono stati condannati a 697 anni di prigione ciascuno per l’uccisione di 11 donne nello stato di Chihuahua, nel nord del Messico.

È la condanna più lunga mai assegnata per un femminicidio, ovvero un omicidio compiuto contro una donna con un movente legato al genere sessuale.

Lo stato di Chihuaua, in cui la condanna ha avuto luogo, comprende la città di Ciudad Juarez, al confine con gli Stati Uniti, dove nel 2008, in media, ogni giorno è scomparsa una donna.

Il fenomeno del femminicidio nello stato di Chihuahua è estremamente diffuso, e dal 1990 a oggi centinaia di giovani donne sono state assassinate.

Oltre alla pena carceraria, i cinque uomini condannati dovranno pagare una somma pari a circa 500mila euro alle famiglie delle donne uccise.

Lunedì 20 luglio decine di donne hanno manifestato di fronte al ministero degli Interni a Città del Messico, capitale del Messico, per protestare contro la violenza domestica. Alla manifestazione, cui hanno preso parte attiviste e anche alcune deputate, diverse donne si sono stese in terra simulando la scena di un crimine, utilizzando il gesso bianco per definire i contorni del loro corpo.